Serrone, è morto il cittadino onorario Cardinale Dario Castrillon Hojos

Almeno 20 volte era venuto nel piccolo paese a nord della Ciociaria che gli è rimasto sempre nel cuore

E’ morto nella notte nella propria abitazione a Roma, alla veneranda età di 89 anni,  dopo una breve malattia, il cittadino onorario di Serrone Sua Eminenza Reverendissima Cardinale Darìo Castrillon Hojos (Prefetto emerito per la Congregazione per il clero).

Le ultime parole 

E' morto con il sorriso sulle labbra pronunciando il nome della mamma e pensando al Serrone il paese che aveva "adottato" come sua seconda casa in Italia. Vescovo all’età di 41 anni, il cardinale il 16 dicembre 1992 veniva promosso Arcivescovo Metropolito di Bucaramanga (Colombia). Il 15 giugno 1996 Giovanni Paolo II lo  nominava Prefetto della Congregazione per il Clero, il 15 novembre 1996  offriva una splendida riflessione presentando il libro «Dono e Mistero» di Giovanni Paolo II: definendo quel volume una testimonianza vitale del Papa sul suo sacerdozio. Nel 1998 fu nominato Cardinale e prefetto della congregazione per il clero.

Era amico dei ciociari sin dal lontano 1987

A Serrone era venuto la prima volta come Arcivescovo nel settembre del 1977 ed era tornato tantissime volte come Cardinale anche per le cresime ai ragazzi del paese. Ma a Serrone era tornato l’ultima volta il 22 febbraio scorso per festeggiare, insieme all’altro cardinale suoi grande amico  S.E.R. Javier Lozano Barragan (già prefetto del Pontificio Consiglio della Pastorale per gli Operatori della per la salute), i suoi venti anni di cardinalato manifestazione organizzata dal Premio “Rocca D’’Oro” e dalla Parrocchia San Pietro Apostolo di Serrone.  Proprio venti anni fa nel 1988 quando fu nominato Cardinale da Giovanni Paolo II, oggi Santo  (fu nominato vescovo, invece, da Paolo VI) e venne a Serrona a festeggiare la sua nomina insieme a 33 vescovi della Colombia ed a tutte le autorità della provincia di allora e vi erano anche due Ambasciatori.

Famose le sue battute 

Tornò a Serrone anche per ritirare il premio “Rocca D’oro” mentre si stavano festeggiando i 50 anni di volontariato della Signora Maria Pia Fanfani e rimase famosa la sua frase: “Questo premio lo dedico a tutti i 419.000 preti nel mondo” e sempre nella stessa occasione conobbe il grande cantante Gino Latilla che cantò Vecchio Scarpone: "Quando studiavo a Roma sentivo cantare questa canzone, oggi ho conosciuto “il calzolaio”.

A cena tra i banchi di San Michele

I serroneni hanno tantissimi altri ricordi della sua grande umiltà come quando la sera di San Michele Arcangelo preferì cenare con la gente in Piazza. Le sue belle omelie hanno sempre colpito i presenti perché forte era il suo messaggio di Pace e soprattutto di fratellanza con Serrone. L’amministrazione presieduta da  Sesto Damizia gli conferì la cittadinanza onoraria. Quin in tutti questi anni i sono create tante amicizie a cominciare dal dott. Achille Pagliuca che lo ha accolto sempre a braccia aperte.

Questo il Telegramma del Santo Padre Francesco:

EM.MO SIGNOR CARDINALE ANGELO SODANO
DECANO DEL COLLEGIO CARDINALIZIO
CITTA’ DEL VATICANO

Ho appreso la notizia della dipartita del caro cardinale Darío Castrillon Hoyos e desidero esprimere sentimenti di cordoglio al collegio cardinalizio, ai familiari ed agli estimatori del compianto porporato, ricordando con animo grato il suo generoso servizio alla chiesa, specialmente la preziosa collaborazione da lui prestata alla santa sede in modo particolare come prefetto della congregazione per il clero e presidente della pontificia commissione ecclesia dei. Innalzo fervide preghiere di suffragio perchè il signore, auspice la vergine Maria, lo accolga nel gaudio e nella pace eterna ed invio la benedizione apostolica a quanti condividono il dolore per la scomparsa di così benemerito servitore del vangelo.

FRANCISCUS PP.

I Funerali si terrano presso la Cappella Papale Sabato 19 maggio 2018, alle ore 14.30, all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana, avranno luogo le Esequie dell’Em.mo Card. Darío Castrillón Hoyos, del Titolo del SS. Nome di Maria al Foro Traiano.

La Liturgia Esequiale sarà celebrata dall’Em.mo Card. Sodano, Decano del Collegio Cardinalizio, insieme con gli Em.mi Signori Cardinali e gli Ecc.mi Arcivescovi e Vescovi.

Al termine della Celebrazione Eucaristica, il Santo Padre Francesco presiederà il rito dell’Ultima Commendatio e della Valedictio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento