Sora, guanti e mascherine gettati a terra. Il sindaco mette in guardia gli incivili e promette multe salate

Il primo cittadino ha ribadito che i dispositivi vanno gettati nell'indifferenziato. Inoltre ha ricordato il divieto assoluto di assembramento

Immagine generica tratta dal web

Guanti e mascherine vanno gettati nell'indifferenziato e non abbandonati per strada. A ribadirlo è stato il sindaco di Sora, Roberto De Donatis che torna a ripetere la necessità di rispettare tutte le misure adottate dal Governo con il Dpcm 26 aprile 2020 e dalla Regione Lazio con l’Ordinanza “Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-2019”.

Distanziamento di almeno un metro

Per garantire la sicurezza propria e degli altri, il Primo Cittadino ricorda che è fatto assoluto divieto di assembramento, va mantenuto il distanziamento interpersonale di almeno un metro ed è obbligatorio, fuori casa e nei luoghi chiusi aperti al pubblico, l’uso delle mascherine per la protezione delle vie respiratorie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Multe per chi getta a terra guanti e mascherine

Inoltre, vista la situazione di emergenza sanitaria, il Sindaco De Donatis invita la cittadinanza a rispettare la corretta gestione dei rifiuti come raccomandato più volte dall’Ambiente e Salute Srl. Guanti e mascherine devono essere conferiti nell’indifferenziato (residuo) e mai abbandonati per strada altrimenti si rischia di incorrere in pesanti sanzioni. Il corretto conferimento dei dispositivi di protezione consente di evitare possibili trasmissioni del virus.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pontecorvo, speciale elezioni: Anselmo Rotondo resta sindaco (video)

  • Coronavirus in Ciociaria: uno dei 2 nuovi casi è un 51enne di Pontecorvo andato al pronto soccorso

  • Coronavirus, impennata di casi di positivi a Colleferro. Ecco cosa è successo

  • Referendum, passa il taglio dei parlamentari. In Ciociaria il sì arriva al 75%, ma non ha votato più della metà degli elettori

  • Omicidio Willy, lo sfogo del gestore di un locale di Colleferro: “non siamo il cancro di questa città”

  • Omicidio Willy, tracce organiche nella macchina dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento