Sora, la sede del Commissariato di Polizia, inadeguata e fuori norma

La denuncia del segretario generale provinciale del Silp-Cgil, Angelo Di Paola

Il Commissariato di Sora è in una struttura demaniale che non è più al passo col tempo di una polizia moderna. Edificio di antica costruzione con spazi interni ridotti. Spesso si è parlato delle condizioni dell’edificio che ospita l’importante ufficio, ma ora sembra che sia il caso di elencare una serie di criticità a sostegno di quanto in questi anni addietro è stato genericamente denunciato: A chiedere l'intervento delle Istituzioni e del sindaco è stato il segretario provinciale generale del Silp-Cgil, Angelo Di Paola.

Le criticità

Sono presenti solo tre bagni che devono contenderseli il personale e l’utenza, posti peraltro in piani diversi; Non ci sono spogliatoi per i dipendenti e ricoveri coperti per le auto di servizio, così come non esiste un locale dedicato specificatamente a ufficio denunce; In alcuni uffici ci sono un numero tale di postazioni di lavoro accalcate in uno spazio che non appare sufficiente a garantire le “giuste distanze di cortesia” tra gli utenti tra loro, tra il personale stesso. Aspetto questo che crea imbarazzi riguardo la privacy;  Non esiste nessuna sala d’aspetto dedicata alle persone che transitano nel Commissariato per varie ragioni, stazionano tutti nel corridoio di servizio agli uffici; Non vi è possibilità per i disabili di salire al primo piano per assenza di percorsi a loro destinati. I lavoratori di polizia ogni qualvolta debbano curare situazioni che coinvolgono cittadini con disabilità motorie, o anche a persone con difficoltà di deambulazione, devono scendere e trovare uno spazio, reso disponibile all’occorrenza e che potrebbe non essere sempre lo stesso, per sbrigare l’incombenza. Il seminterrato è ambiente umido, polveroso e fatiscente. In passato sembrerebbe essere stato interessato da allagamenti. 

Il ruolo del Comune

Il Silp-Cgil di Frosinone ha incontrato il Sindaco del comune di Sora, Roberto De Donatis. Da tale incontro abbiamo esposto le numerose criticità al fine di ottenere una soluzione al problema. E’ emersa la sensibilità del primo cittadino il quale si è reso disponibile a reperire un idoneo edificio pubblico in cui trasferire la sede del Commissariato di Sora. Ha dichiarato, inoltre, che esiste anche una seconda strada attraverso l’accertamento della disponibilità da parte di privati cittadini, attraverso un bando pubblico, che possano offrire una struttura congrua a ospitare in maniera degna il Commissariato. Abbiamo sollecitato il sindaco a pronunciarsi rispetto a un contributo del comune di Sora al pagamento di un eventuale canone d’affitto al verificarsi della seconda ipotesi. Il Sindaco ha risposto di volersi impegnare offrendo ogni strumento e contributo validi allo scopo. Consci che l’impegno e lo sforzo di un sindacato e la volontà di un sindaco sono solo i primi significativi impulsi, sollecitiamo tutte le parti in causa (pur sapendo che i vertici locali e della Questura già avevano preso in seria considerazione la problematica) nel cercare una tempestiva soluzione, qualsiasi essa sia, ma che vada obbligatoriamente nella direzione dell’assoluto miglioramento delle condizioni attuali. Ora occorre un cambio di passo, un’accelerata per dare decoro a un Ufficio che rappresenta lo Stato e per dare dignità ai lavoratori di polizia che da lì si adoperano per il bene della collettività. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento