Sora, taglio del nastro per il nuovo centro di distribuzione postale

Nella nuova sede di Via dell’Industria risorse, processi e organizzazione funzionali a servire oltre 80mila cittadini e 5mila attività commerciali

È stato presentato nelle ore scorse a Sora il nuovo Centro di Distribuzione postale. Situato in via dell’Industria, la sede è stata progettata e realizzata soprattutto in modo funzionale relativamente al “Joint Delivery”, il Nuovo Modello di Recapito introdotto recentemente sull’intero bacino territoriale di Sora che garantisce la consegna della corrispondenza e pacchi anche al pomeriggio e il sabato. Il nuovo Centro dispone di attrezzature di ultima generazione che permettono soprattutto di ottimizzare il lavoro degli addetti. Di nuova concezione gli strumenti di lavoro, quali i carrelli per la movimentazione interna della posta, le bilance e i casellari, che permettono ai portalettere di ordinare e gestire la corrispondenza con più velocità.

A presentare i nuovi locali Fabrizio Caradonna, Responsabile regionale della logistica. “Presso il nuovo Centro di Distribuzione di Via dell’Industria – precisa Caradonna - lavorano oltre 50 addetti tra portalettere e operatori interni. I volumi su base previsionale annua che questa sede sarà chiamata a gestire sono molto importanti poiché si attestano complessivamente, tra corrispondenza “ordinaria”, posta a firma e pacchi, su circa due milioni e 200mila invii.”.

Il bacino territoriale di riferimento per la sede di via dell’Industria è stato suddiviso in 23 zone di recapito e oltre a Sora il nuovo Centro di Recapito ha competenza su altri 15 comuni: Alvito, Arpino, Broccostella, Campoli Appennino, Casalattico, Casalvieri, Castelliri, Fontana Liri, Fontechiari, Isola del Liri, Monte S. G. Campano, Pescosolido, Posta Fibreno, Santopadre e Vicalvi. Il Centro di Recapito di via dell’Industria ha a disposizione un parco mezzi che comprende 34 auto, 3 motorini e 3 furgoni con i quali quotidianamente i portalettere raggiungono circa 81 mila abitanti e più di 5000 attività commerciali tra uffici e negozi.

Tutti i portalettere sono dotati di palmare e con i loro terminali potranno gestire la corrispondenza ordinaria e a firma in maniera veloce e tracciata portando a domicilio una serie di servizi postali e di pagamento sia per i privati che per i professionisti. Infatti, il destinatario della corrispondenza può pagare da casa o dal posto di lavoro, nello stesso momento in cui avviene la consegna della posta o del pacco, tramite carta Postamat, Postepay o utilizzando le carte di debito del circuito Cirrus/Maestro.

Il Nuovo Modello Joint Delivery, passa dunque anche attraverso nuove strutture, nuovi processi organizzativi e nuove logiche distributive. Con il cambiamento funzionale all’efficientamento, Poste Italiane si propone di migliorare ancor più la qualità del servizio e dei tempi di consegna. La nuova organizzazione è articolata su due reti di recapito distinte ma integrate tra loro: la prima, denominata “linea di Base”, assicura quotidianamente, sulla propria area di competenza, la consegna di tutti i prodotti postali; la seconda, chiamata “Linea Business”, è dedicata alla consegna dei pacchi, dei prodotti e-commerce e degli invii a firma (raccomandate, assicurate ecc.) in fasce orarie estese fino alle 19,45 e durante il sabato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Giovane finanziere muore nel sonno, la tragedia nella notte

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento