Sora, piazza Risorgimento: da preziosa area archeologica a discarica a cielo aperto

Reperti coperti dalla vegetazione infestante e dalla spazzatura, mancanza di un’adeguata cartellonistica, cattivi odori dovuti all'acqua stagnante; ecco come si presenta il sito. La segnalazione dagli attivisti del Movimento 5 Stelle sorano

In diverse occasioni gli attivisti e le attiviste del M5S Sora hanno segnalato lo stato di degrado e di incuria in cui versano strade e piazze della città, sia in centro che in periferia. Purtroppo, una nota a parte bisogna riservarla in questi giorni all’area archeologica di Piazza Risorgimento. Il sito, portato alla luce dall’archeologa sorana Manuela Cerqua, è un vero e proprio libro a cielo aperto sulla storia della nostra città. L’area presenta, infatti, numerose stratificazioni, dalle mura di una domus romana alle tombe di una necropoli risalente al V/VI sec. d.C. fino all’edificazione della Chiesa di San Lorenzo che, dai materiali di archivio, risulta esistente fino al 1700.

Degrado ed abbandono 

La collocazione dell’area archeologica nella piazza, che da sempre è uno degli ingressi principali al centro storico ed uno snodo di traffico molto importante e frequentato, dovrebbe renderla uno dei primi biglietti da visita della nostra splendida città offerto a chi viene da fuori, invece, offre un’immagine indecorosa e di degrado. Le fotografie testimoniano che i vari reperti archeologici sono coperti dalla vegetazione infestante e dalla spazzatura; manca un’adeguata cartellonistica che dia un minimo di spiegazione sui ritrovamenti; alcune lastre in plexiglas della copertura trasparente destinata a proteggere gli scavi dall’azione degli agenti atmosferici, sono divelte e non sono mai state risistemate; gli arbusti cresciuti a dismisura sono diventati tana per animali di ogni genere, più caratteristici di una foresta che di un centro città. Tutto ciò, unito al ristagno dell’acqua piovana e alle ondate di caldo caratteristiche di questa stagione, causa continue ondate maleodoranti che infastidiscono quotidianamente i residenti e chi, nelle immediate vicinanze, gestisce un’attività commerciale. L’interrogativo che in molti si pongono e se sia un’area archeologica o una discarica a cielo aperto. L’unica cosa certa è che l’Amministrazione De Donatis ha completamente dimenticato l’area.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio Willy, tracce organiche nella macchina dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi

  • Pontecorvo, speciale elezioni: Anselmo Rotondo resta sindaco (video)

  • Paliano, violento frontale tra due auto, un ragazzo perde la vita (foto)

  • Coronavirus, l'appello di un fisioterapista positivo: "I miei pazienti facciano attenzione"

  • Coronavirus, impennata di casi di positivi a Colleferro. Ecco cosa è successo

  • Omicidio Willy, lo sfogo del gestore di un locale di Colleferro: “non siamo il cancro di questa città”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento