Sora, servizio pubbliche affissioni e impianti pubblicitari: quanti soldi sono stati persi?

I 5 Stelle attaccano l'Amministrazione per non aver salvaguardato gli impianti che ora versano in uno stato indecoroso: "Probabilmente il Comune avrebbe incassato molti più diritti"

Il M5S Sora lo scorso 16 luglio ha depositato un’interrogazione relativa al servizio delle pubbliche affissioni e agli impianti pubblicitari. "Chiunque - fanno notare - può constatare che le strutture destinate al servizio di pubblica affissione versano in uno stato a dir poco indecoroso, molte non possono nemmeno essere più definite come spazi dove affiggere manifesti e sono inutilizzabili, in quanto da svariati anni sono sprovviste del pannello in metallo e della struttura restano solo i pali di sostegno. La mancata corretta manutenzione di tali impianti ha contribuito ad aumentare il degrado della città, tuttavia con l’interrogazione si è posto l’accento su un altro aspetto da non sottovalutare.

Oltre 5 milioni di disavanzo

È ormai noto che l’Amministrazione De Donatis entro i primi di settembre dovrà trovare le risorse per ripianare il disavanzo di 5.286.224,58 Euro certificato nell’ultimo Consiglio Comunale, ma se negli anni avesse salvaguardato gli impianti per l’affissione pubblica probabilmente il Comune avrebbe incassato molti più diritti e certamente il disavanzo sarebbe stato, anche se di poco, inferiore all’attuale importo. La valorizzazione di tali diritti, infatti, rappresenta per gli enti locali una fonte di entrata da non sottovalutare. Evidentemente - aggiungono dal Movimento 5 Stelle - chi amministra la città sa già dove trovare le risorse economiche per ripianare il disavanzo, forse nelle tasche dei contribuenti sorani con aumento di imposte e tariffe o riduzione di servizi? 

Gestione superficiale e sciatta

Infine, poiché nel vigente regolamento comunale della pubblicità e delle pubbliche affissioni è indicata solo la superficie destinata alla pubblicità, ma non il numero degli impianti, con l’interrogazione si è chiesto di conoscere quanti sono quelli autorizzati presenti nel territorio comunale. Al riguardo si deve ricordare che all’Ente deve essere corrisposta l’imposta per la pubblicità, quindi conoscere il numero esatto degli impianti autorizzati e la loro ubicazione servirebbe a conoscere l’ammontare potenziale dell’imposta che potrebbe ottenere l’Ente, nonché a combattere l’eventuale pubblicità abusiva.

Invece, ancora una volta, il modo di amministrare dell’Amministrazione De Donatis è apparso superficiale e sciatto. Da tale modello di gestione delle cosa pubblica sono derivate: minori entrate per l’Ente; minore decoro urbano e maggior degrado".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 5 borghi da visitare in Ciociaria

  • Tragico scontro tra 5 moto: il centauro morto è il ciociaro Gianluigi Giansanti. Feriti gli altri 4

  • Coronavirus in Ciociaria: uno dei 2 nuovi casi è un 51enne di Pontecorvo andato al pronto soccorso

  • Cassino, grave schianto tra auto lungo la Casilina in direzione Cervaro

  • Omicidio Willy, gli aggressori percepivano il reddito di cittadinanza

  • Coronavirus, reso noto il boom di casi in Ciociaria. D'Amato: 'Assembramenti di genitori all'entrata delle scuole'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento