rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Attualità

Stellantis punta sulla Ciociaria. A Piedimonte la piattaforma per le nuove macchine elettriche

L’annuncio nei giorni scorsi del Ceo Tavares. La soddisfazione di De Angelis

Sarà lo stabilimento di Cassino ad ospitare la nuova piattaforma Stellantis per i modelli premium – BEV STLA Large – dell’intero Gruppo. Ad annunciarlo il Ceo Carlos Tavares in visita agli stabilimenti in provincia di Frosinone nei giorni scorsi. Storicamente casa dei modelli Alfa Romeo, nel sud della provincia di Frosinone oggi si producono le Alfa Romeo Giulia e Stelvio e la nuova Maserati Grecale, con volumi che l’anno scorso hanno raggiunto le 55mila unità, dopo l’avvio della produzione del nuovo suv Maserati l’anno scorso.

“Lo stabilimento di Cassino vanta una lunga tradizione di innovazione e tecnologia - ha ribadito il ceo Tavares in una nota del gruppo - qui si estenderà la propria attività alla produzione di veicoli basati sulla piattaforma BEV flessibile STLA Large come evidenzia una nota del Gruppo”

La piattaforma

Il dettaglio dei modelli, in realtà, sarà condiviso in una fase successiva. “I veicoli basati sulla piattaforma STLA Large che stiamo progettando rivoluzioneranno l'esperienza di guida grazie a funzionalità e caratteristiche all'avanguardia e per questo – dice Tavares – confidiamo nella grande competenza dei nostri dipendenti e nel team manageriale di Stellantis per riuscire a raggiungere i nostri audaci obiettivi legati al costo e alla qualità”.

Tavares parla poi del “supporto dei dipendenti di Cassino” e della “lungimiranza delle autorità locali e nazionali”. Dopo il Windsor Assembly Plant in Canada, dunque, Cassino è il secondo stabilimento Stellantis ad ospitare linee di produzione di veicoli basati sulla piattaforma STLA Large.

La piattaforma è progettata per modelli in grado di garantire un'autonomia fino a 800 chilometri/500 miglia in modalità elettrica, in abbinamento con i moduli di propulsione elettrica (EDM) e i pacchi batteria modulari di Stellantis. Per i sindacati si tratta di notizia che rassicura sul futuro industriale del polo laziale.

La soddisfazione del presidente Asi De Angelis

“L’arrivo della piattaforma Bev (Batteryelectricvehicle) Stla Large per veicoli elettrici nello stabilimento Stellantis di Piedimonte San Germano è una notizia molto importante per tutto il territorio. L’amministratore delegato del gruppo, Carlo Tavares, nel corso della sua visita all’interno del sito produttivo ha spiegato la centralità che avrà questa fabbrica nelle prospettive future della multinazionale. Uno stabilimento che diventerà il punto di riferimento per le vetture dei marchi Alfa e Maserati e che ha importanti obiettivi nel futuro che saranno, sicuramente, raggiunti grazie alle molte e straordinarie competenze che ci sono a Piedimonte. In questo momento è importante fare una riflessione ad ampio raggio perché se lo stabilimento continua a viaggiare spedito verso il futuro con investimenti che lo rendono sempre più contemporaneo e moderno altrettanto deve accadere anche al di fuori della fabbrica.

È fondamentale pianificare di pari passo i dovuti programmi di ammodernamento infrastrutturali sul territorio per fare in modo che un sito industriale altamente avanzato a livello mondiale possa contare anche su infrastrutture e servizi “premium”. Da qui c’è la necessità che le istituzioni, a tutti i livelli, facciano la loro parte. Il Consorzio sarà in prima linea per mettere in campo tutte le progettualità che rendano l’area industriale sempre competitiva e al passo con i tempi», lo ha affermato il Presidente del Consorzio industriale del Lazio Francesco De Angelis commentando la visita dell’Amministratore delegato del gruppo Stellantis, Carlo Tavares, a Piedimonte San Germano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stellantis punta sulla Ciociaria. A Piedimonte la piattaforma per le nuove macchine elettriche

FrosinoneToday è in caricamento