Anagni, dopo un rocambolesco inseguimento in A1 presi con quasi mezzo chilo di droga

I carabinieri sono riusciti a bloccare ad ammanettare i quattro malviventi e nel corso della perquisizione veicolare hanno trovato la grossa quantità di cocaina

Quattro persone sono state arrestate ieri dai carabinieri del comando provinciale e dagli agenti della polizia stradale con l'accusa di spaccio di stupefacenti. Il fatto è avvenuto nella giornata di ieri in A1 territorio di Anagni a pochi metri da dove è  avvenuto il drammatico incidente dove hanno perso la vita due operai che tornavano a Bari.

L'inseguimento in A1

I quattro malviventi, tra questi anche una donna, hanno dato vita ad un inseguimento spericolato in autostrada. I militari però sono riusciti a bloccarli e ad ammanettarli. Nel corso della perquisizione veicolare i carabinieri hanno trovato 450 grammi di cocaina. Domani mattina per tutti e quattro si terrà il processo per direttissima. Gli arrestati sono due coppie, una sposata e l’altra convivente, peraltro legate da vincoli di parentela (la donna sposata è infatti la sorella dell’uomo convivente), tutti italiani, eccezion fatta per un albanese, residenti a Ferentino e di età compresa tra i 25 ed i 18 anni.

L'operazione dei carabinieri

Due pattuglie in abiti civili dell’Arma, che si trovavano all’interno dell’area di servizio “Prenestina” dell’autostrada A1 in rientro dalla capitale, avevano notato tre dei prevenuti muoversi con atteggiamenti sospetti e ripartire di tutta fretta in direzione sud. Gli operanti decidevano quindi di procedere ad un controllo, ma l’auto sospetta, una volta affiancata, dopo un primo accenno a fermarsi, ripartiva a folle velocità. Ne scaturiva l’immediato inseguimento da parte dei militari dell’Arma e di una pattuglia della Polizia Stradale, allertata nel frattempo, nel corso del quale l’auto dei malviventi cercava di speronare e far uscire di strada le vetture delle Forze dell’Ordine. Queste, grazie anche ad un ingorgo causato da un incidente, all’altezza dello svincolo di Anagni, riuscivano finalmente a bloccare l’auto in fuga impedendo sul nascere il tentativo di dileguarsi a piedi dei predetti.

La scoperta della droga

Le perquisizioni personali e veicolare consentivano di rinvenire nr. 14 pacchetti di cocaina che erano stati occultati sotto il sedile anteriore del lato passeggero ed alcuni grammi di hashish, nascosti nel portaoggetti. Le successive perquisizioni domiciliari svolte presso le abitazioni dei fermati, permettevano altresì di scovare nell’appartamento della coppia sposata, dove la seconda donna arrestata era in attesa del rientro del marito, altra sostanza stupefacente, vari bilancini di precisione ed addirittura un frullatore utilizzato per “tagliare” la droga. Nel complesso venivano sequestrati 50 grammi di hashish ed addirittura quasi 400 grammi di cocaina che, al dettaglio, una volta mescolata ad altre sostanze, avrebbe fruttato un introito di oltre 90.000 €uro.

Al termine delle formalità di rito, i due uomini venivano tradotti presso la Casa Circondariale di Frosinone, una donna presso la Casa Circondariale di Rebibbia e l’altra posta agli arresti domiciliari, in attesa del rito direttissimo da celebrarsi nella mattinata odierna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Coronavirus, muore Pino Scaccia. L'addio di Vacana: ‘In Ciociaria lo avevamo premiato un mese fa’

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento