Cassino, scoperto ed arrestato pericoloso latitante polacco in A1

L’uomo andava in giro con i documenti falsi ma è stato smascherato dagli uomini della stradale

Finisce in provincia di Frosinone la latitanza di un 49enne originario della Polonia, fermato dagli uomini coordinati dal Responsabile della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino, Sostituto Commissario Giovanni Cerilli. L’uomo andava in giro con un documento falso ed è stato smascherato.

L'alt della polizia

Verso le ore 10.30 circa di ieri la pattuglia della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino, durante l’espletamento del servizio di vigilanza autostradale, nei pressi del casello A1 di Cassino, notava il transito di una Fiat Grande Punto con due uomini a bordo;intimato  l’ALT. Il conducente risultava essere un 50enne nato in Polonia e residente in provincia di Sondrio, con precedenti di polizia ma attualmente nulla in atto. Mentre,  il trasportato, un 36enne, nato e residente in Polonia,  negativo alla Banca Dati  e mai controllato in Italia esibiva una  carta di identità valida per l’espatrio che però insospettiva gli operatori, che procedono ad ulteriori accertamenti.

La falsa carta di identità

Nel frangente, l’uomo di 36 anni, nel momento in cui veniva richiesto di compilare un modulo attestante le proprie generalità, mostrava un evidente stato di nervosismo, riferendo un malessere per rialzo pressorio. Gli agenti eseguivano, attraverso idonee strumentazioni, uno scrupoloso controllo della carta di identità, che risultava abilmente contraffatta e sottoponevano il fermato a rilievi foto segnaletici .

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Svelata l’identità dell’uomo: è nato in Polonia ed ha 49 anni, colpito da un provvedimento della Digos di Roma, come persona pericolosa ed aggressivae, attraverso la Banca  Dati Schengen, a suo carico pendeva anche un mandato di arresto europeo emesso dalla Polonia. Tratto in arresto, è stato  tradotto nel  carcere di Cassino. Ancora una volta l’attenta ed intensa attività di prevenzione della Polizia Stradale, come disposto dal Questore di Frosinone, dr.ssa Rosaria Amato, si è rivelata efficace.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento