Ceccano, colpo di scena nel processo per la morte di Michele Liburdi: chiesta un'altra perizia medico legale

L'indagato è accusato di aver causato la morte del 50enne di Giuliano di Roma con il quale aveva avuto una colluttazione. Secondo le accuse il decesso sarebbe stato causato dal pestaggio

Omicidio preterintenzionale. Questa l'accusa mossa nei confronti di M. V. un ragazzo di 24 anni residente a Ceccano che nel luglio del 2018 il giovane era venuto alle mani con Michele Liburdi, un cinquantenne di Giulano di Roma con il quale aveva avuto alcuni dissapori.

La colluttazione e la morte

Subito dopo la colluttazione Liburdi venne colto da malore ed accomapgnato in ospedale dove morì dopo qualche ora. I familiari sospettando che quel decesso fosse scaturito dalle percosse ricevute avevano fatto scattare la denuncia. All'epoca dei fatti il giovane avendo appreso che le forze dell'ordine lo stavano ricercando accompagnato dal suo legale difensore Giampiero Vellucci si era recato spontaneamente in questura. Ma non essendoci pericolo di fuga gli inquirenti lo avevano fermato e successivamnete rilasciato

Due i punti neri nella vicenda 

Ieri in udieza preliminare è arrivato il colpo di scena. Il legale difensore Giampiero Vellucci ha chiesto il rito abbreviato condizionato ad una nuova perizia medico legale sostenendo che nel corso della lite il suo assistito aveva colpito Michele Liburdi alla testa mentre invece l’uomo era morto per emorragia dovuta allo spappolamento della milza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La morte dopo due ore dal litigio

E non meno importante, è che l'uomo era morto due ore dopo il litigio. Questi due elementi portati avanti dal difensore hanno insinuato il dubbio nel giudice per le udienze preliminari. Il giudice Baracaglia Morante dopo una breve camera di consiglio ha accolto la richiesta di una nuova perizia medico legale. Il conferimento dell’incarico è stato fissato il prossimo 17 dicembre. I parenti del defunto sono rappresentati dagli avvocati Nicola Ottaviani e Marco Maietta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento