menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ceccano, violenta la moglie per anni, il giudice lo condanna e lo manda in carcere

L'uomo, un operaio metalmeccanico di 50 anni, dovrà scontare due anni e quattro mesi di carcere più una provvisionale di diecimila euro

Per anni la moglie, una casalinga 45enne residente a Ceccano, era stata vittima di violenze sessuali da parte del marito e se provava a rifiutarsi erano botte a non finire. La vicenda che ha trascinato alla sbarra un operaio metalmeccanico di 50 anni, originario della città Fabraterna, risale a circa nove anni fa quando la signora a causa delle percosse ricevute era stata costretta a ricorrere alle cure ospedaliere.

L'aiuto del telefono rosa

Quel giorno aveva capito di aver toccato il fondo e che se voleva risalire in superfcie e restituire a se stessa autostima e dignità doveva denunciare quello che accadeva tra quelle mura domestiche. Così si era rivolta al telefono rosa di Frosinone per  chiedere aiuto. Gli operatori l'avevano aiutata in questo difficile percorso che aveva come obiettivo la sua rinascita. A seguito della denuncia presentata dalla coniuge l'uomo venne rinviato a giudizio per lesioni personali, maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale.

La sentenza di condanna

Ieri al termine del processo il giudice del tribunale di Frosinone ha pronunciato la sentenza di condanna. L'imputato è stato condannato a due anni e 4 mesi di reclusione più una provvisionale di diecimila euro. La somma destinata al risarcimento danni verrà quantificata in sede civile. Per la casalinga, che è madre di due figli (sovente questi assistevano alle scene di violenza) è stata la fine di un incubo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Visita guidata all'Abbazia di Casamari

  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento