Colfelice, compost smaltito illecitamente: denunciati il presidente della Saf e un agricoltore di Pontecorvo

I Carabinieri Forestali del Nipaaf di Frosinone e la Procura di Cassino hanno disposto il sequestro dei cumuli di scarto del materiale di lavorazione proveniente dall'impianto e che rendevano l'area irrespirabile per chilometri

L'ingresso della Saf

Saf: sequestrati diversi cumuli di compost e denunciato il presidente della Società Ambiente Frosinone unitamente a titolare del terreno dove, illecitamente, veniva depositato il materiale di scarto dei rifiuti, proveniente dall'impianto di Colfelice e che sarà ora sottoposto ad esami approfonditi da parte degli esperti del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (N.I.P.A.A.F.) del Gruppo Carabinieri Forestale di Frosinone. Il sequestro messo in atto oltre che dagli investigatori del capitano Vito Antonio Masi, responsabile del Nipaaf e dai militari della Stazione Carabinieri Forestale di Pontecorvo, è stato disposto dal sostituto procuratore Emanuele De Franco. I forestali hanno quindi sequestrato, presso il comune di Pontecorvo, diversi cumuli di materiale classificato come “ammendante compostato misto” ma in realtà costituito da rifiuti provenienti dall'impianto di compostaggio di via Ortella a Colfelice.

Un terreno privato 'trasformato' in discarica

In particolare, a seguito di segnalazioni dei cittadini che avvertivano odori nauseabondi, il personale della Stazione Carabinieri di Pontecorvo ha effettuato un sopralluogo, unitamente a tecnici Arpa Lazio, presso i terreni dove erano stati sversati i cumuli provenienti dalla società di smaltimento. A seguito di campionamenti ed analisi, Arpa Lazio relazionava in merito alla natura del materiale rinvenuto. I tecnici dell’Agenzia hanno così disconosciuto la qualifica di ammendante compostato misto e hanno riclassificato i cumuli come veri e propri rifiuti con uno specifico codice CER (Catalogo Europeo dei Rifiuti). I cumuli erano privi di strati impermeabili e di coperture, con conseguente rischio di percolato nel terreno. Preso atto di ciò, il NIPAAF di Frosinone e la Stazione CC di Pontecorvo hanno provveduto a sequestrare tutti i cumuli di rifiuti rinvenuti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due carabinieri investiti da una macchina che ha forzato il posto di blocco

  • Cassino, cade in un tombino lasciato aperto e si rompe la faccia

  • Inchiodato l'autore del pestaggio al Fornaci Village

  • Sora, pacchi alimentari della Caritas ritrovati tra i rifiuti, uno schiaffo alla povertà

  • Pontecorvo, commozione e lacrime ai funerali di Luca Forte (foto e video)

  • Giallo al Fornaci Village, in prognosi riservata l'uomo trovato pestato ed esanime

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento