Ferentino, scarcerato l'ex consigliere comunale Pio Riggi

Il politico locale è finito nel mirino della DDA a seguito di tangenti che avrebbe preteso da un imprenditore che si era aggiudicato l'appalto per l'ampliamento del cimitero. Nei giorni scorsi la seconda parte dell'inchiesta con l'arresto di Bacchi

Scarcerato Pio Riggi, l'ex consigliere comunale arrestato alcune settimane fa perchè coinvolto in un vicenda di  tangenti relative all'ampliamento del cimitero di Ferentino. I giudici hanno accolto l'istanza presentata dall'avvocato difensore  Giampiero Vellucci. Istanza nella quale è stato evidenziato che il suo assistito si è dimesso dall'incarico di consigliere comunale e che ha indicato un domicilio diverso da quello di Ferentino luogo del teatro dei fatti.

Il cambio di domicilio

Già da stasera Riggi si stabilirà nella sua residenza estiva. A questo da aggiungere che la trascrizione peritale del video che  riprendeva il figlio di Scarsella (l'imprenditore che sarebbe stato vittima di estorsione da parte di Riggi) consegnare il denaro a dei componenti di un gruppo, va esaminato come un incontro tra più persone e non come un comportamento di indirizzo camorristico.

Riggi non è un personaggio legato alla Camorra

"Lo stesso Scarsella - ha sostenuto dichiarato l'avvocato Vellucci - aveva dichiarato nelle sue deposizioni, di aver dato i soldi a più persone". Quindi, secondo il legale, la grave accusa mossa all'ex consigliere di essersi servito di personaggi della camorra per raggiungere i suoi  scopi  non poteva più reggere. Il giudice ha accolto l'istanza del difensore disponendo la scarcerazione di Pio Riggi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le tangenti

La vicenda come si ricorderà è esplosa alcune settimane fa quando l'ex consigliere comunale viene accusato di aver preteso una tangente dall'imprenditore di Tivoli che si era aggiudicato l'appalto del cimitero. Per ottenere una cospicua somma di denaro avrebbe coinvolto tre napoletani associati ad un clan camorristico.

La seconda parte della vicenda e l'arresto dell'ex assessore allo sport Bacchi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento