Ferentino, maltrattamenti sui bambini all'asilo, al via il processo per due maestre

Le docenti sono accusate di abuso dei mezzi di correzione.Il giudice ha respinto l'eccezione di nullità del decreto di citazione diretta a giudizio per indeterminatezza dei capi di imputazione sollevata da uno dei difensori delle imputate

Maltrattamenti sui bambini dell'asilo  "Simone Cola" di Ferentino, al via il processo nei confronti  delle due maestre   accusate del reato di abuso dei mezzi di correzione. Nella prima udienza che si è tenuta nei giorni scorsi il giudice  Aurora  Gallo ha rigettato l'eccezione  di nullità al  decreto di citazione diretta a giudizio  per indeterminatezza dei capi di imputazione sollevata da uno dei difensori delle imputate.

Quindici genitori si sono costituiti parte civile

Nella prossima udienza che è stata fissata per il 30 marzo del 2020, verranno ascoltati  i due marescialli   della stazione dei carabinieri di Ferentino  che hanno preso parte alle indagini su esplicita indicazione della procura predispondendo i'installazione delle telecamere in quella scuola.  Sono quindici i genitori che si sono costituiti parte civile. Al consulente di parte l dott. Tarcisio d'Alessandris è stato affidato l'incarico da pare del legale di uno dei genitori  di effettuare una perizia medico legale  su un bambini che a seguito di  quei maltrattamenti avrebbe subito gravi conseguenze psicologiche.

Ad insospettire le mamme i comportamenti strani dei loro figlioletti

I fatti risalgono al periodo che va dal 2014 al 2015. Ad insospettire le mamme i comportamenti  strani dei loro figlioletti. Numeorsi quelli che si rifiutavano al mattino di entrare in classe. Per non parlare del fatto che più di qualcuno aveva cominciato ad avere nuovamente enuresi diurne. Da qui la denuncia presso la caserma dei carabinieri di Ferentino. I militari su richiesta della procura avevano fatto installare delle telecamere nascoste, E proprio  dall'estrapolazione di quei filmati   quelli che erano soltanto sospetti circa i maltrattamenti  sui bambini erano diventate certezze. I piccini  venivano presi per i polsi e strattonati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I filmati che inchiodano le insegnanti

Uno dei piccoli scolari per difendersi dall'aggressione di una delle due maestre si era nascosto sotto una cattedra. A questo da aggiungere che  veniva impedito loro di andare in bagno  bloccando con una sedia la porta della classe. I genitori che si sono costituiti parte civile verranno rappresentati dagli avvocati I genitori che si sono costiituiti parte civile  verranno rappresentati dagli avvocati Giampiero Vellucci, Mario Cellitti, Michele Fabrizio Romano  e Francesco  D’Eliseo del foro di Frosinone. Le imputate verrano invece  difese dall'avvocato Christian Alviani e da un legale del foro di Roma. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio Willy, tracce organiche nella macchina dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi

  • Pontecorvo, speciale elezioni: Anselmo Rotondo resta sindaco (video)

  • Paliano, violento frontale tra due auto, un ragazzo perde la vita (foto)

  • Coronavirus, l'appello di un fisioterapista positivo: "I miei pazienti facciano attenzione"

  • Coronavirus, impennata di casi di positivi a Colleferro. Ecco cosa è successo

  • Omicidio Willy, lo sfogo del gestore di un locale di Colleferro: “non siamo il cancro di questa città”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento