Spariscono incassi per 73.000 euro, due commesse di un noto centro commerciale incriminate

L'accusa nei loro confronti è di appropriazione indebita. La prima udienza è stata fissata per il prossimo 20 maggio

Appropriazione indebita. Questa l'accusa che ha portato a processo due dipendenti di un negozio ubicato al centro commerciale Le Sorgenti a Frosinone. I fatti che hanno portato le due commesse alla sbarra, una di Ferentino l'altra di Frosinone, risalgono al 2016 quando la società che gestiva il negozio rilevò un ammanco di 73 mila euro.

Licenziate in tronco

A seguito di quei fatti le due dipendenti che erano state licenziate in tronco erano state denunciate per appropriazione indebita. Difese dagli avvocati Giuseppe Lo Vecchio e Mario Cellitti si sono sempre difese sostenendo che era consuetudine del titolare prelavare dagli incassi somme di denaro che venivano addebitate sui pos. Gli avvocati difensori hanno già  preparato una copiosa lista testimoniale. L'udienza è stata fissata al prossimo 20 maggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Giovane finanziere muore nel sonno, la tragedia nella notte

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento