Spacciava la droga dell'Isis alla stazione, obbligo di dimora per un nigeriano richiedente asilo

Lo straniero di 23 anni era stato sorpreso dalla Digos nei pressi di un supermercato ubicato nella parte bassa della città con delle compresse di "Tramadolo" un oppioide utilizzato dai terroristi

L'altro ieri un nigeriano di 23 anni,  richiedente asilo era stato sorpreso dalla Digos nei  pressi di un supermercato della stazione di Frosinone con delle compresse di "tramadolo", un farmaco che contiene delle sostanze sintetiche collocate tra gli oppioidi. Questo tipo di farmaco viene chiamato "droga del combattente", proprio perchè dà la capacità a chi lo assume di avere una maggiore resistenza fisica.

L'obbligo di dimora

Oggi nel corso della convalida dell'arresto l'uomo che era difeso dagli avvocati Claudia Mancini e Roberto Capobianco ha sostenuto che quel farmaco lo assumeva lui in momenti di debilitazione fisica, il giudice ha accolto la tesi difensiva e ha disposto nei confronti del nigeriano  come provvedimento restrittivo l'obbligo di dimora

La perquisizione domiciliare

Nell'abitazione dell'uomo, in un appartamento di Ceprano, sono state trovate altre 50 compresse del Tramadolo, 60 pasticche di un altro medicinale contenenente lo stesso principio attivo e 950 grammmi di stupefacente che è in fase di analisi. Denunciata invece la compagna del nigeriano per analogo reato: spaccio di sostanze stupefacenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento