Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

Truffa da cinquecentomila euro ad una banca, imprenditore finisce sotto processo

L'uomo, che gestisce un'azienda di prodotti chimici e metallurgici nel capoluogo ciociaro, deve rispondere anche di riciclaggio. Dovrà comparire alla prima udienza il prossimo febbraio

Truffa da cinquecentomila euro ai danni di un istituto di credito, rinviato a giudizio per il reato di truffa e riciclaggio R.C. un imprenditore di 55 anni residente a Frosinone. I fatti risalgono a circa tre anni fa, quando l’uomo, che gestisce una rivendita di prodotti chimici e metallurgici nel capoluogo ciociaro si era recato in banca per ottenre un anticipo sulle fatture che erano già state prodotte. Titolare di un conto corrente, godeva della fiducia dei dirigenti dell’istituto di credito. E proprio questi ultimi gli avevano accordato l’anticipo.

Il prestito della banca

La banca, va detto, gli aveva anticipato addirittura ben cinquecentomila euro. L’imprenditore una volta ottenuti i soldi, aveva provveduto a pagare la merce che lui aveva acquistato. Tra i debiti da saldare un bonifico ad un commerciante di Milano dal  quale aveva acquistato dei prodotti chimici per un importo di  250 mila euro.

L'accusa di truffa

Dopo un paio di mesi però l’istituto bancario vedendo che il denaro non rientrava nelle casse aveva deciso di denunciare l’imprenditore tramite l’avvocato Giuseppe Madia del  foro  di Roma.  A conclusione dell'inchiesta, l'uomo è stato rinviato a giudizio per il reato di truffa. Il 55enne sarà rappresentato dall’avvocato Giuseppe Lo Vecchio del foro di Frosinone. Prima udienza il prossimo febbraio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa da cinquecentomila euro ad una banca, imprenditore finisce sotto processo

FrosinoneToday è in caricamento