Morolo, il pranzo non è buono? Moglie costretta in ginocchio per ore sul pavimento della cucina

Si tratta solo di una delle tante punizioni subite da una casalinga da parte del marito. La donna ha chiesto aiuto ad un Centro Antiviolenza

Costretta a restare per ore in ginocchio sul pavimento della cucina o chiusa a chiave nello sgabuzzino delle scope. Queste alcune delle punizioni che infliggeva alla moglie, una casalinga di 50 anni, se aveva trasgredito a qualche ordine del marito o se aveva cucinato del cibo che non era di suo gradimento.

Il rinvio a giudizio

Per tale motivo l'uomo un operaio di 60 anni residente a Morolo e padre di una ragazzina di 12 anni è stato rinviato a giudizio per il reato di maltrattamenti in famiglia. La prima udienza si terrà il prossimo dicembre. Nel frattempo l'uomo è  stato colpito dal divieto di avvicinamento nei confronti della moglie.

L'aiuto del centro antiviolenza

La donna subito dopo la denuncia si è  rivolta al centro antiviolenza di Frosinone "Spazio ascolto OSA". Il legale del centro Sonia Sirizzotti la rappresenterà nelle opportune sedi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le scarpe della Lidl vanno a ruba anche a Frosinone: sold out in pochi minuti

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Paliano, è morto l’imprenditore Umberto Schina

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

  • Coronavirus, oggi si deciderà se la Ciociaria e il resto del Lazio entreranno in zona arancione o meno

  • Tentato omicidio in viale Mazzini, ecco cosa c'è dietro la tragedia di ieri notte

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento