menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bonus 600 euro, il bel esempio del commerciante palianese che ora parla di "politici fuori della realtà"

Il titolare di un negozio di Ferramenta a Paliano che avrebbe voluto restituire i soldi avuti per sbaglio e che li ha "trasformati" in mascherine diventato l'esempio di correttezza in questi giorni della scandalo dei politici

La bella storia di onestà intellettuale e di correttezza del commerciante di Paliano Antonello Pacciani in questi giorni in cui è emerso che il bonus da 600 euro è stato richiesto e ricevuto anche da alcuni parlamentari della Repubblica è tornata di attualità.

Infatti la vicenda che frosinonetoday.it aveva proposto in esclusiva a fine aprile e che in poche ore aveva fatto il giro d’Italia anche sui media nazionali perché Antonello aveva deciso di restituire i 600 euro in quanto con il suo negozio di ferramenta era rimasto aperto ma il suo commercialista aveva comunque fatto la domanda per il bonus. Non potendoli restituire direttamente all’Inps aveva deciso di acquistare delle mascherine riutilizzabili (eravamo in piena emergenza sanitaria da Coronavirus) e le aveva donate alla Croce Rossa ed alla protezione civile di Paliano.

Il gesto che ha fatto scalpore

Un gesto davvero unico che aveva smosso le coscienze di molti in Italia e che adesso è diventato un esempio da seguire ed intervistato dall’Ansa il commerciante palianese preferisce dire solo due parole sul gesto, diametralmente opposto, fatto da alcuni politici in questi giorni. “Dovevano essere onesti e dirlo pubblicamente. Cosi facendo fanno perdere ancor di più il contatto della politica con la realtà. Questi politici dovrebbero venire al mio negozio dove sto per più di otto ore al giorno per capire cosa ne pensa della politica”.

Un esempio di correttezza che parte da un paesino del nord della Ciociaria dove ancora si vive con l’onesta e con il lavoro quotidiano. Anton Giulio (Antonello per gli amici) Pacciani sta portando avanti con dedizione e sacrificio la sua ferramenta anche in nome del nonno e del papà Evandro, una terza generazione di commercianti, che hanno avuto sempre come lume e linea guida l’umiltà e la correttezza nel vivere quotidiano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Visita guidata all'Abbazia di Casamari

  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento