menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lucia Picchia

Lucia Picchia

Paliano, omicidio stradale, prosciolto il figlio della maestra Lucia Picchia

L'uomo era stato accusato di aver causato l'incidente dove era deceduta la madre. Il giudice per le udienze preliminari ha disposto il non luogo a procedere per non aver commesso il fatto

Il 27 dicembre del 2017 Davide Delfini un uomo di 52 anni mentre percorreva insieme alla madre e i suoi due figli la Palianese si andò a scontrare improvvisamente contro un autocarro che proveniva dalla corsia opposta. Nello schianto terribile perse la vita la madre, Lucia Picchia, maestra in pensione. A seguito di tali fatti l'uomo venne accusato di omicidio stradale. 

La tesi difensiva

Ma nella giornata di ieri per il 52enne si è concluso un incubo, il giudice per le udienze preliminari ha disposto il non luogo a procedere per non aver commesso il fatto. L'avvocato Antonio Ceccani difensore dell'indagato ha prodotto delle documentazioni che scagionavano completamente il suo assistito dalle accuse che gli erano state mosse. Il legale ha sostenuto che il sinistro sarebbe stato scaturito da circostanze che non avevano nulla a che vedere con il comportamento alla guida di Davide Delfini.

Le immagini del drammatico incidente

L'incidente scaturito da una tragica fatalità

A cominciare dalla macchia d'olio rilevata sull'asfalto che avrebbe portato l'automobilista alla perdita del controllo della vettura. Altro elemento non meno importante la velocità tenuta dall'indagato in quel tratto di strada che non superava i limiti consentiti. Dunque quel decesso sarebbe scaturito da una tragica fatalità e non da imperizia, negligenza ed imprudenza da parte dell'automobilista.

Il non luogo a procedere

Alla luce degli elementi raccolti il giudice Antonello Bracaglia Morante ha deciso per il non luogo a procedere, l'eccesso di velocità dell'automobilista in quel tratto di strada. A conclusione dell'udienza il giudice si è pronunciato con un non luogo a procedere. Per Davide Delfini, già molto provato per la scomparsa della madre, è stata la fine di un incubo. L'accusa di aver causato la morte della sua adorata mamma gli pesava davvero come un macigno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Visita guidata all'Abbazia di Casamari

  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

  • Eventi

    Alatri, il Cristo nel Labirinto e le Mura Ciclopiche

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento