Le tolgono i figli, va in Comune e tenta di strangolare l'assistente sociale

Protagonista del fatto una donna del cassinate alla quale sono stati tolti due bambini di pochi anni. Vivevano in stato di abbandono

È stata presa per il collo mentre cercava di difendersi dalla furia di una donna alla quale sono stati tolti i due figlioletti. Un'assistente sociale ed una operatrice sono state picchiate in Comune a Piedimonte San Germano nel sud della provincia di Frosinone. Le due donne sono state trasportate in ospedale mentre la madre dei bambini, bloccata non senza fatica dai Vigili Urbani e dai Carabinieri e stata trasferita in caserma dov'è stata ascoltata e successivamente arrestata su dispostizione del magistrato di turno, il sostituto procuratore Marina Marra. Il provvedimento di allontanamento è scattato dopo che è stato accertato lo stato di indigenza ed abbandono nel quale vivevano i piccoli che hanno un'età compresa tra i 15 mesi e due mesi. La donna ha ottenuto il beneficio dei domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento