Veroli, punto dai calabroni muore sotto gli occhi del figlio

Roberto Quattrociocchi, 58 anni, stimato panettiere, stava lavorando nei campi quando è stato aggredito dagli insetti

Foto dal web

Una o più punture di calabrone hanno stroncato a soli 58 anni la vita di un panettiere di Veroli. Roberto Quattrociocchi, cinquantotto anni, è stato stroncato da uno choc anafilattico provocato dalla puntura dei micidiali insetti. La tragedia si è verificata ieri pomeriggio in via Bozzano in località Angeli, alla periferia della cittadina ernica.

La ricostruzione dei fatti

Roberto Quattrociocchi, che lascia la moglie e quattro figli, stava sistemando un podere di sua proprietà quando, forse senza volerlo, ha toccato un punto nascosto di un rovo. Qui erano annidati i calabroni che non gli hanno lasciato scampo. Inutile il massaggio cardiaco praticato da uno dei figli presenti. Il poveretto è morto in pochi minuti sotto lo sguardo atterrito del ragazzo. Sul posto Carabinieri e Ares 118. Nella giornata di oggi potrebbe essere fissato l'esame autoptico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Cassino, bruciano le auto di un imprenditore: l'incendio è doloso

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento