Veroli, preso il ladro delle chiese con candelabri, crocifissi e calici in casa (foto)

Un 34enne del posto ora dovrà rispondere di ricettazione. La scoperta da parte dei carabinieri della locale stazione a conclusione di lunghe indagini

Aveva svuotato completamente la Chiesa di San Michele Arcangelo di Veroli e si era portato a casa un’infinità di oggetti sacri come candelabri, crocifissi, calici ma anche fasce da primo cittadino ed addirittura una macchina da cucire a pedale.

L’arresto

Nel tardo pomeriggio di lunedì i carabinieri della Stazione Carabinieri di Veroli a conclusione di articolata attività di indagine hanno individuato e denunciato il 34 enne B.P. del posto che ora dovrà rispondere ricettazione.

Il ritrovamento della refurtiva

Nel corso della successiva perquisizione domiciliare i militari hanno rinvenuto numerosi oggetti proventi di furto avvenuti tutti negli anni scorsi nel territorio verolano (foto in alto ed in pagina). La refurtiva è composta da svariati oggetti sacri asportati dalla Chiesa di San Michele Arcangelo a seguito di furto avvenuto a novembre del 2018. Nonché da ulteriori oggetti riconducibili a una decina di furti avvenuti nel medesimo centro dal 2015 ad oggi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono in corso ulteriori accertamenti al fine di restituire i numerosi oggetti rinvenuti ai legittimi proprietari

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro su Via Casilina tra bus e Fiat 500, muore Fabrizio Cibba (foto)

  • Il messaggio che mette paura: “attenzione, c’è una grossa Anaconda nel fiume”

  • Coronavirus, a Valmontone torna la paura? Un nuovo caso di positività ed il sindaco parla di notizia preoccupante

  • La palpeggia e, dopo il "no", le spacca il setto nasale e va al bar: arrestato 44enne marocchino

  • Coronavirus, il giudice di Pace di Frosinone annulla le multe emesse durante la quarantena

  • Anagni, un boato e poi le fiamme invadono l'ex Polveriera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento