rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca Alatri

Alatri, il genero si separa e i suoceri si vendicano facendogli trovare debiti per 200 mila euro

La coppia che gestisce un'avviata attività commerciale aveva firmato assegni e cambiali a nome dell'uomo. Adesso debbono rispondere di appropriazione indebita, falsità materiale e minacce

Il  genero si innamora di un’altra donna e decide di andarsene di casa, i suoceri si vendicano firmando assegni e cambiali a suo nome per un totale  di duecentomila euro. La coppia, che gestisce  un'attività commerciale nel campo dell'edilizia e che adesso deve rispondere di appropriazione indebita, falsità materiale e minacce è finita sul registro degli indagati.

La richiesta di rinvio a giudizio

Nei giorni scorsi a conclusione delle indagini il pubblico ministero ha chiesto il loro rinvio a giudizio. L’udienza davanti al gup è stata fissata per il prossimo settembre. La vicenda risale a circa due anni fa quando  R.T. un imprenditore di 40 anni, residente ad Alatri sposato e con prole, durante un viaggio di lavoro aveva conosciuto un’altra donna dela quale si era innamorato. Il 40enne aveva voluto subito essere  sincero con la moglie dicendole che  sarebbe andato a vivere con la sua nuova fiamma.

Insultato e minacciato dall'intera famiglia

Una confessione che aveva lasciato di stucco non soltanto la coniuge ma anche i suoceri che dopo averlo insultato e minacciato avrebbero  meditato la vendetta. Secondo gli elementi raccolti dagli investigatori il modo per fargliela pagare l’avevano trovato nel falsificare la firma del genero su assegni e cambiali. Quando l'imprenditore si è accorto dell'imbroglio a suo carico pendeva già un debito di 200 mila euro. A quel punto aveva fatto scattare la denuncia. Dall’esame calligrafico effettuato dal consulente di parte sarebbe emerso che su quei documenti era stata apposta una firma falsa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alatri, il genero si separa e i suoceri si vendicano facendogli trovare debiti per 200 mila euro

FrosinoneToday è in caricamento