Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Alatri, il giorno dopo l'inferno. La casa divorata dalle fiamme in via San Giovanni

Una tragedia sfiorata. Tanta paura per l'uomo e sua madre tratti in salvo dai vigili del fuoco dopo essere rimasti intrappolati nella loro casa

Erano circa le 21 di martedì 9 gennaio quando in via San Giovanni, in pieno centro storico ad Alatri, si è udito un forte boato. Prima il rumore poi le fiamme che hanno cominciato a divorare un'abitazione (foto in alto ed in pagina). Pochi minuti e la parete della palazzina si è trasformata in un muro di fuoco. Tantissime le persone che si sono riversate in strada in preda al panico dopo aver sentito il boato e le richieste d'aiuto provenire dalla palazzina.

Madre e figlio rimasti intrappolati

All'interno dell'abitazione si trovavano un uomo di 45 anni e la sua anziana madre rimasti intrappolati in quell'inferno fino all'arrivo dei vigili del fuoco che dopo minuti interminabili di puro terrore sono riusciti a domare le fiamme. Al momento dello scoppio, molto probabilmente causato da una fuga di gas e dall'accensione di una lampadina,  l'uomo era al primo piano, successivamente era salito al secondo piano per cercare di trarre in salvo la madre di 83 anni, nel frattempo l'altra figlia era riuscita a scappare per dare l'allarme.

I soccorsi

I caschi rossi, dopo quasi un'ora di lavoro, sono riusciti a spegnere le fiamme al primo piano così da poter entrare nella palazzina, che nel frattempo era stata invasa dal fumo, e salire al piano superiore raggiungendo madre e figlio.  Sul posto oltre ai pompieri sono intervenuti i carabinieri e i sanitari del 118. Per i due malcapitati, trasportati all'ospedale cittadino, fortunatamente si è parlato solo di un principio di intossicazione. Sarebbe potuta essere una vicenda dai risvolti molto più gravi. Tutto si è risolto per il meglio grazie al tempestivo intervento dei soccorsi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alatri, il giorno dopo l'inferno. La casa divorata dalle fiamme in via San Giovanni

FrosinoneToday è in caricamento