Amaseno, aveva preso a sprangate due vicine di casa, condannato ad un anno di carcere

L'uomo, un trentanovenne disoccupato, le riteneva responsabili della morte del suo cane. Le due donne a causa delle ferite riportate avevano dovuto ricorrere alle cure ospedaliere

Tribunale di Frosinone

Aveva preso a sprangate due vicine di casa,  il  giudice del tribunale di Frosinone lo ha condannato ad un anno di reclusione e al ricovero in una struttura psichiatrica a  tempo indeterminato.I fatti risalgono al giugno scorso quando l'uomo un 39enne residente ad Amaseno, già conosciuto alla forze dell'ordine  per maltrattamenti in famiglia,  ritenenendo responsabili  le due donne per la morte del suo amato cane, non appena le aveva viste in  macchina si era parato davanti  sbarrando loro la strada. 

L'accusa di tentato omicidio

Una volte scese dall'abitacolo  le vicine di casa erano state colpite con una spranga di ferro. Non contento di ciò l'uomo si era accanito anche sulla vettura sfondando il parabrezza e danneggiando la carrozzeria.  A mettere fine  a quella mattanza i carabinieri del comando provinciale che avevano fatto scattare l'arresto per tentato omicidio ,  lesioni personali gravi,  danneggiamento aggravato  e porto abusivo  di armi ed oggetti atti ad offendere.Nei giorni scorsi  è arivata la sentenza di condanna. Le due donne erano rappresentate dall'avvocato Giampiero Vellucci del foro di Frosinone mentre l'imputato era rappresentato dal legale Giorgio Picchi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, bus tampona compattatore dei rifiuti, grave l'autista (foto)

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 16 e domenica 17 novembre

  • Colleferro, commozione e lacrime al funerale di Giuseppe Sinibaldi (foto)

  • San Vittore, terribile schianto in A1: giovane autista perde una gamba

  • Cassino, autista ferito e trasferito dopo ore: esposto dei familiari contro il pronto soccorso

  • Fuori in permesso, non fa ritorno al carcere di Frosinone. Ricercato un pericoloso detenuto

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento