Anagni, accusa di appropriazione indebita a carico di un 33enne rumeno

L'uomo si era impossessato di oggetti d'arredo a lui affidati dopo un trasloco effettuato per una 65enne romana. I carabinieri lo hanno quindi denunciato

Il fatto è avvenuto nella mattina di oggi ad Anagni, quando i militari della locale Stazione, al termine di attività investigativa, hanno deferito in stato di libertà il 33enne rumeno responsabile del reato di appropriazione indebita. I Carabinieri hanno raccolto univoci e coincidenti elementi di colpevolezza nei confronti del predetto, già censito per reati contro il patrimonio, che nello scorso di novembre, a seguito di trasloco di una 65enne romana, si era appropriato indebitamente delle masserizie, consistenti in oggetti d’arredo, a lui affidate, poi rinvenute in Anagni a seguito di perquisizione domiciliare, debitamente occultate all’interno della propria abitazione. Il materiale recuperato è stato sopposto a sequestro giudiziale in attesa di restituzione all’avente diritto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento