Anagni-Sgurgola, arrestati per corruzione politici ed imprenditori, ecco i nomi

L'operazione è stata messa in atto dai carabinieri Forestale Lazio coordinati dal NIPAAF di Frosinone. Altre 17 persone risultano indagate. Si tratta di politici, imprenditori e funzionari pubblici

Dalle prime ore della mattinata i militari del gruppo carabinieri Forestale di Frosinone, coordinati dal NIPAAF di Frosinone, stanno eseguendo alcuni provvedimenti emessi dal Gip del tribunale di Frosinone. Si tratta di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa a carico di un rappresentante legale di una società operante nel settore dei rifiuti; una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa a carico di un tecnico comunale rappresentante di fatto di una società di servizi operante nel campo ambientale; sei ordinanze di custodia cautelare (arresti domiciliari) a carico di un assessore comunale; ammimìnisitratore della medesima società di servizi; un addetto alla medesima società; un dipendente dell'Asl di Frosinone e un dipendente dell'Asl di Roma.

Le ipotesi di accusa

L'ipotesi accusatoria è relativa a vari episodi corruttivi accertati negli anni 2017 e 2018, dove dipendenti e amminisiratori pubblici, secondo le accuse agevolavano le ditte nell'assegnazione dei lavori ricevendo come contrapartita somme di denaro (dell'ordine di qualche migliaio di euro) assunzioni di persone da loro segnate o fornitura di beni e servizi. I soggetti pubblici omettevano i dovuti controlli sulla regolarità delle gare e sulle esecuzioni dei lavori favorendo in modo esplcito le ditte indagate.

I nomi degli arrestati

In carcere sono finiti Giovanni Luciano Bellardini, tecnico del Comune di Sgurgola, che amministrava di fatto una società di Anagni, la Bemme srl, e Alfredo Coratti della Tac ecologica, imprenditore di Veroli nel settore dello smaltimento rifiuti urbani, già sottoposto ad analoga misura per altro procedimento penale.

Arresti domiciliari per Lucio Giuseppe Formaggi, assessore del Comune di Sgurgola, Vincenzo Rocchi funzionario della Città Metropolitana di Roma, Domenico Spaziani ex funzionario dell'ASL di Frosinone, Mattia Bellardini rappresentante legale della società di Anagni, Paola Morgia amministratore di fatto della società di Anagni e Alessandro Recine, dipendente della società di Anagni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(immagine di repertorio)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento