Anagni, stalker denuncia la vittima di lavoro nero per vendicarsi di essere stato respinto

L'uomo, un operaio edile di 50 anni, si era recato all'Ispettorato del lavoro dicendo che la donna, proprietaria di un piccolo albergo, non l'aveva pagato per i lavori effettuati all'interno dell'hotel

Immagine generica

Per vendicarsi di essere stato respinto di reca all'ispettorato del Lavoro, all'agenzia delle Entrate ed alla Guardia di Finanza e denuncia  la  proprietaria di un albergo di Anagni sostenendo di aver effettuato per molti anni dei lavori in nero in quell'hotel e di non essere mai stato pagato. Ma l'uomo, un operaio edile di 50 anni residente ad Anagni, è stato smascherato dai alcuni messaggi vocali che aveva inviato alla vittima nei quali aveva sottolineato che avrebbe fatto di tutto per distruggerla e che aveva mentito per vendetta. 

Gli atti persecutori 

La squallida storia che vede come vittima di stalking una donna di 45 anni proprietaria di un hotel ubicato nella città dei Papi, risale ad alcuni mesi fa quando l’uomo si era presentato nell’albergo con una sua amica chiedendole di avere una stanza per la notte  Dopo aver visto la titolare dell'hotel, il 50enne abbagliato dalla sua bellezza si era ripresentato anche il giorno successivo. Ma in quella occasione aveva iniziato a molestare la proprietaria cercando di palpeggiarla. La donna una volta riuscita a divincolarsi, aveva invitato l’uomo ad andarsene. Ma a quel punto erano iniziati gli atti persecutori. La vittima se lo ritrovava in ogni posto, persino in ospedale dove era stata ricoverata per motivi di salute.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'aiuto del Telefono Rosa

Vedendo che non c'era alcuna possibilità di poter far cambiare idea alla donna lo stalker aveva deciso di vendicarsi denunciandola per lavoro nero. A quel punto la signora si era rivolta al Telefono Rosa di Frosinone presieduto da Patrizia Palombi. E proprio grazie ai consigli degli operatori dell'associazione la donna è riuscita ad incastrare l'operaio attraverso un messaggio registrato nella quale l'uomo ammetteva di aver mentito e che lo aveva fatto soltanto perché gli bruciava molto essere stato respinto. I legali del Telefono Rosa con quelle prove in mano hanno fatto scattare la denuncia per stalking.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento