Omicidio Mollicone, la salma di Serena rientrerà ad Arce venerdì 22 dicembre

La Procura della Repubblica di Cassino ha dato il nulla osta per la nuova sepoltura. Il papà Guglielmo: "mia figlia finalmente potrà riposare in pace accanto alla sua mamma"

Serena Mollicone

Serena Mollicone torna a casa. La Procura della Repubblica di Cassino ha dato il nulla osta per il rilascio della salma che da oltre un anno e mezzo si trova a Milano, presso l'Istituto di medicina legale. A darne notizia è stato il papà Guglielmo. "Finalmente mia figlia potrà riposare in pace accanto alla madre". La comunicazione è stata data dalla magistratura al legale della famiglia Mollicone, l'avvocato Dario De Santis. Il rientro della salma è previsto per la mattinata di venerdì 22 dicembre

La riesumazione e la seconda autopsia

Il corpo di Serena era stato riesumato, per volere del procuratore capo Luciano d'Emmanuele nel marzo del 2016 quando era stato trasferito a Milano nei laboratori dell'Istituto di Medicina legale dove l'anatomopatologa Cristina Catteneo ha compiuto accertamenti e prelievi con mezzi e strumenti altamente sofisticati. Le analisi hanno consentito alla scienziata di poter arrivare a capire come e dove Serena Mollicone fosse stata aggredita e successivamente morta per asfissia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e "4 Ristoranti" sbarcano a Frosinone

  • Paliano, violento frontale tra due auto, un ragazzo perde la vita (foto)

  • Frontale sulla Palianese, la morte del giovane Mattia lascia un vuoto incolmabile

  • Coronavirus, nuovo caso in una scuola ciociara: attivata la didattica a distanza

  • Il cuore di Willy spaccato a metà dalle troppe botte. Tre indagati per omissione di soccorso

  • Coronavirus, più tamponi e ben 31 casi in Ciociaria. D'Amato: 'Mantenere alta l'attenzione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento