Artena, Lupi (Pd); per gli impianti di biometano serve una programmazione

“Sebbene si siano conclusi gli incontri in conferenza dei servizi sulla richiesta di autorizzazione per l’Impianto di Biometano ad Artena, voglio ribadire le forti perplessità indicate nell’audizione che si è

Simone Lupi

“Sebbene si siano conclusi gli incontri in conferenza dei servizi sulla richiesta di autorizzazione per l’Impianto di Biometano ad Artena, voglio ribadire le forti perplessità indicate nell’audizione che si è svolta in Commissione Consiliare Ambiente lo scorso martedì, per cui auspico una chiusura negativa della procedura” – Così in una nota stampa Simone Lupi, Presidente della Commissione Bilancio del Consiglio regionale del Lazio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
“Su mia richiesta martedì 14 si è svolta l’audizione a cui hanno partecipato anche l’assessore Scaccia e la consigliera Carocci per il Comune di Artena e rappresentanti del comitato locale –spiega Lupi - In quell’occasione ho fatto mie le motivazioni di contrarietà dei comuni di Artena e Lariano, dovute al forte inquinamento dei terreni in cui insisterebbe il nuovo impianto, l’assenza di un depuratore funzionante e soprattutto l’assoluta sproporzione tra le dimensioni dell’impianto e l’effettiva produzione di rifiuti che il territorio contiguo produce”.

“Nella sede consiliare ho ribadito la necessità di ripensare l’approccio regolatorio al settore dell’organico, in modo da prevedere anche per il suo trattamento una regolazione e pianificazione, perché non si può lasciare il trattamento di questa tipologia di rifiuti alla libera iniziativa privata come fosse carta o vetro – sottolinea Lupi – Ritengo che nelle linee guida per il Piano rifiuti del Lazio si debba forzare la normativa nazionale, come fatto già dalla Toscana, prevedendo una programmazione e pianificazione degli impianti di compostaggio e di recupero di energia o biometano a livello di bacino provinciale. Con l’aumento della differenziata il rifiuto organico sarà probabilmente il quantitativo maggiore da trattare e non possiamo lasciare questa fase del ciclo dei rifiuti al farwest”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Cassino, commerciante beve acido muriatico e rischia di morire

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento