Cronaca

Artena, verso le elezioni, la Carocci (PD) presenta la sua candidatura alle primarie

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: “Credo che le Primarie siano uno strumento importante per scegliere il candidato sindaco” è quanto afferma Silvia Carocci, giovane artenese, laureata in Giurisprudenza, iscritta al Partito Democratico, nonché membro della...

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: "Credo che le Primarie siano uno strumento importante per scegliere il candidato sindaco" è quanto afferma Silvia Carocci, giovane artenese, laureata in Giurisprudenza, iscritta al Partito Democratico, nonché membro della Direzione Provinciale. Carocci scende in campo accogliendo le Elezioni Primarie come lo strumento democratico con cui eleggere il candidato sindaco di Artena, ed è determinata a raccogliere firme affinché la sua candidatura sia valida. La passione per la politica l'ha portata ad occuparsi concretamente del suo paese attraverso l'organizzazione di corsi di formazione sugli enti locali, sulle infiltrazioni mafiose, sui sistemi di formazione ed energie rinnovabili, sulla tutela dell'ambiente e del territorio, collaborando con diverse associazioni tra le quali Libera, Avviso Pubblico, Lavoro&Welfare, e Anci Giovani. Particolarmente sensibile a temi quali i servizi sociali, la scuola e la cultura, dichiara: "Ogni cittadino dovrebbe nascere in una casa solida, crescere in un ambiente sicuro e vivere in una società civile. Dobbiamo ripartire dalla società ridistribuendo in primis la ricchezza, garantendo un'istruzione seria alle nuove generazioni, e dedicando spazio e tempo a chi vuole bene ad Artena e per questo intende cambiarla". Crede in un'amministrazione trasparente ed efficiente, attenta alle esigenze dei cittadini che chiedono di curare e valorizzare la propria città. Carocci è pronta a dare il suo contributo, con l'aiuto e la partecipazione della cittadinanza perché solo SE CAMBI, ARTENA CAMBIA!

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Artena, verso le elezioni, la Carocci (PD) presenta la sua candidatura alle primarie

FrosinoneToday è in caricamento