rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Cronaca

Operatrice sanitaria no vax condannata dal tribunale

Non si era vaccinata ed era stata sospesa per tutto il 2022. Ora dovrà pagare le spese del procedimento

Siamo verso le fine del 2022 ed iniziano ad arrivare le sentenze della cause iniziate dagli operatori sanitari no vax nel periodo di massima diffusione del Coronavirus. È di queste ore la notizia che la Asl di Frosinone ha vinto la causa di lavoro intentata da una dipendente che non si era sottoposta alla vaccinazione anti Covid, per gli operatori sanitari obbligatoria.

La stessa è stata dapprima, per sei mesi, posta dall’Azienda in smart working, consentendole di lavorare da casa ma, al termine di questo periodo, non avendo ancora adempiuto all’obbligo, è stata sospesa fino al prossimo dicembre 2022 con relativa interruzione anche della retribuzione.

Il provvedimento è stato contestato dalla dipendente che si è rivolta ai giudici.Il tribunale di Cassino ha dato ragione alla Asl respingendo l’istanza dell’operatrice sanitaria che è stata condannata anche al pagamento delle spese relative al procedimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operatrice sanitaria no vax condannata dal tribunale

FrosinoneToday è in caricamento