rotate-mobile
Cronaca Veroli

Botte ed insulti alla madre, salvata dal figlio minorenne che chiama i carabinieri

Un 49enne è finito in carcere dopo l'ennesima violenza ai danni dei familiari

Era diventato un vero e proprio incubo per i 'poveri' genitori e per il fratellino ancora minorenne con continue minacce e botte. Un incubo che è terminato, solamente, nelle ore scorse grazie all'intervento degli uomini delle forze dell'ordine. 

Stiamo parlando di un 49enne originario di Veroli (Frosinone) e residente nella capitale nel corso degli ultimi anni ha maltrattato i propri familiari a tal punto da far adottare un provvedimento da parte dell’Autorità Giudiziaria del divieto di avvicinamento alla persona offesa.

L'uomo, inoltre, incurante del provvedimento, si è recato presso l’abitazione della propria madre minacciandola, anche di morte. Fortunatamente con la donna in casa c’è un altro figlio, minorenne, che, spaventato dell’accaduto ha chiamato i Carabinieri. Solo grazie al coraggio del ragazzo si è riusciti ad evitare il peggio.

I militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Alatri intervengono prontamente e riescono ad immobilizzare il soggetto e a trarlo in arresto. A seguito del rito direttissimo, tenutosi nella mattinata di ieri, il Giudice, convalidava l’arresto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Botte ed insulti alla madre, salvata dal figlio minorenne che chiama i carabinieri

FrosinoneToday è in caricamento