Boville Ernica, la testa mozzata di un animale appesa ad un cancello: choc a Casavitola

L'inquietante messaggio, diffuso nella malavita, è stato trovato all'alba dai padroni di casa che hanno immediatamente allertato i carabinieri. Indagini a tutto campo

Atto intimidatorio o lo scherzo macrabro di qualche inetto? Sta di fatto che questa mattina davanti al cancello di un'abitazione in località Casavitola a Boville Ernica, i proprietari si sono ritrovati davanti una scena inquietante, da film horror. La testa di un animale (molto probabilmente si tratta di un bovino adulto) appena uscita dal macello era stata appesa al cancello, con una corda.  

La telefonata al 112

Immediato l'allarme al centralino del 112. I carabinieri della compagnia di Alatri unitamente ai colleghi della stazione di Boville Ernica si sono immediatamente recati sul posto per avviare le prime indagini. Di certo si sa che i proprietari dell'abitazione che hanno ricevuto questo insolito "regalo" sono persone normali, operai che vivono del loro stipendio per sbarcare il lunario. Mentre scriviamo i miliari gli ordini del comandante provinciale, il colonnello Fabio Cagnazzo stanno ascoltando  tutti coloro che negli ultimi giorni  hanno avuto contatti con la famiglia che risiede a Casavitola. Nello specifico si sta cercando di scavare nel vissuto di queste persone per cercare di capire se qualcuno, magari per vecchie ruggini, possa aver messo in atto un gesto così cruento. Le indagini proseguono a ritmo serrato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le scarpe della Lidl vanno a ruba anche a Frosinone: sold out in pochi minuti

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Paliano, è morto l’imprenditore Umberto Schina

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

  • Coronavirus, oggi si deciderà se la Ciociaria e il resto del Lazio entreranno in zona arancione o meno

  • Tentato omicidio in viale Mazzini, ecco cosa c'è dietro la tragedia di ieri notte

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento