Giovedì, 28 Ottobre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bruxelles, libertà di stampa, storia e crisi dei giornali nella giornata evento all'Ist. Italiano di Cultura

Con l’inaugurazione della mostra “Brindisi Capitale ( 1943) – la liberazione dell’Italia e dell’Europa 1945- La Repubblica Italiana 1946” e del convegno: “ La libertà di stampa da Brindisi Capitale ( 1943) a Bruxelles ( 2016)  è stato celebrato...

Con l’inaugurazione della mostra “Brindisi Capitale ( 1943) – la liberazione dell’Italia e dell’Europa 1945- La Repubblica Italiana 1946” e del convegno: “ La libertà di stampa da Brindisi Capitale ( 1943) a Bruxelles ( 2016) è stato celebrato, il 70 anniversario della Repubblica Italiana, persso la sala del Teatro dell’Istituto di cultura a Bruxelles.

E’ stata data lettura telegramma del Gen. Tullio Del Sette, Comandante Generale Arma dei Carabinieri, che ha augurato il buon lavoro ai partecipanti inviando sul posto il Col. Roberto Riccardi, capo ufficio stampa dell’Arma.

L’interessante convegno, promosso dal GUS, EAPO&IC dall’Associazione Naz. Carabinieri Roma Sud, e dal Rotary Roma nord–est, ha visto la partecipazione di una cinquantina di giornalisti molti dei quali operanti presso la Istituzioni Europea ed è stato presieduto dal Dott. Gino Falleri, coordinato dai Generali (r) Carlo Felice Corsetti ( Carabinieri) e Alessandro Butticé ( Guardia di Finanza) ed ha visto la partecipazione, inoltre, dell’Ambasciatore italiano Dott. Vincenzo Grassi e del Direttore dell’Istituto di Cultura Italiano dott. Paolo Luigi Grossi.

Il tutto era stata preceduto da un messaggio video dell’On. Antonio Tajani che ha inviato sul posto il suo capo di gabinetto Sig.ra Chiara Salvelli: "Solamente nel 2009 è stata firmata, da 48 giornalisti la Carta Europea per la protezione della libertà di stampa, mentre l’Italia è scesa al 77 posto nel mondo, nella classifica diAnnuale di "Reporter Sanse Frontieres" dopo il Tonga e Burkina Faso. Però, si deve lottare ancora - ha esclamato il vice presidente Vicario del Parlamento Europeo Antonio Tajani- per concretizzare la liberta di stampa, di pensiero e di informazione e ci vuole maggiore impegno di tutti”. Alla Salvelli è stato consegnato il quadro che appunto rappresenta l’Europa del M° Ercole Furia, destinato all'On. Tajani, Dopo i saluti di rito dell’Ambasciatore italiano a Bruxelles Vincenzo Grassi, al convegno ha portato i saluti anche il presidente del Rotary Club Roma Nord Est Sig.ra Maria Vittoria Forgià (la sera precedente si era svolta una conviviale all’Hotel Hilton con il Rotary Club Bruxelles Est, presenti anche il Club di Bruxelles Nord, Bruxselles 1923 e Maldegen Belgium D. 1620 e dove c’è stato lo scambio di guidoncini), E' toccato a Gino Falleri fare la relazione centrale ed annunciare le novità nel campo giornalistico. “Nel nuovo regolamento chi è iscritto da oltre 35 anni all’ordine, non deve fare più i corsi di aggiornamento”. Evidenziando inoltre che “la stampa non è al servizio degli amministratori ma degli amministrati e si deve stare molti attenti agli addetti stampa improvvisati perché molti di questi non conoscono le regole deontologiche.

Davvero molto interessante la relazione tenuta da Roberto Olla (scrittore e giornalista) che ha parlato di storia, quella vera che arriva dal sud, come la mostra in esposizione e che ancora non è stata del tutto esplorata “perché l’Italia non ha mai fatto una revisione storica. C’è molto da scrivere” . Lorenzo Robustelli direttore di Eunews ha raccontato la difficoltà di comunicazione che non viene percepita in Italia.

Altra relazione di peso è stata quella Marco Patricelli, europeista convinto, che ha parlato del Caso Polonia tornata all’attenzione dell’Europa con il controllo della stampa, "però si deve conoscere bene questa nazione, le sue radici e la storia è del tutto singolare, visto che è stata divisa in quattro, ha avuto più di un secolo di divisioni. Quindi una storia molto complessa che parte da 8 secoli" .

Roberto Scavizzi (avvocato ed editorialista di Eurocomunicazione) ha invece intrattenuto i presenti sul tema La Corte Europea dei diritti dell’uomo e libertà di Stampa.

Pasquale D’Innella ( Confindustria Rivista l’Imprenditore) ha invece parlato della Libertà di stampa e di pensiero: “alla prova dei nuovi conflitti fra popoli, economie, tecnologie e classi sociali", evidenziando che "comunicare significa vita e conciliare attraverso la verità ecco perché ci vuole la liberta di stampa e di pensiero.

Dario Carella ( giornalista Rai) che diffonde l’Europa delle Regioni ha evidenziato che: "parlare di “Europa non è un segno di vicinanza, perché la gente non lo percepisce”.

Marco Politi, Giornalista e scrittore, ha parlato di Papa Francesco: Liberta di stampa e rispetto delle coscienze evidenziando il fatto che vaticanleaks andava scritto perché è un grande fatto giornalistico in quanto la stampa deve essere totalmente libera e deve porre attenzione verso l’altro. Poi ha parlato, anche, delle encicliche di Papa Francesco.

Nel parterre abbiamo notato, oltre ai personaggi già citati, il Col. Pier Vittorio Romano (comandante Provinciale dei Carabinieri di Teramo), Mauro D'attis ( esponente del comitato delle Regioni e brindisino), Lucio Battistotti membro del Commissione Europea, Antonio Preziosi, (Corrispondente Rai da Bruxelles) , Andrea Maresi e tanti altri colleghi provenienti da Roma e diversi membri della sez. romana dei Carabinieri in congedo guidati dal Maggiore (C) Fulvio Biocca insieme a rappresentanti dell'arma in Bruxelless. Delegazione del Rotary Brindisi Appia-Antica. Roberto Rossi ( segretario generale EAPO&IN)

Insomma, è stato un convegno di altissimo spessore culturale che ha evidenziato come l’Europa, a causa della la sua burocrazia, abbia bisogno di essere rivitalizzata. Ha bisogno di stare più vicino ai problemi della gente se vuole avere un futuro nei paesi che l’hanno costituita secondo lo spirito di Altiero Spinelli e degli altri grandi a cominciare da De Gasperi e Adenauer.

Da Bruxelles, il nostro inviato Giancarlo Flavi (Servizio, foto e Video)

Video popolari

Bruxelles, libertà di stampa, storia e crisi dei giornali nella giornata evento all'Ist. Italiano di Cultura

FrosinoneToday è in caricamento