Mercoledì, 29 Settembre 2021
Cronaca

La Polizia sequestra due fucili, appartenevano a cacciatori deceduti

La dottoressa Antonella Chiapparelli illustra le regole da seguire nel caso in cui l'erede non sia titolare di porto d'armi

Sequestrati dalla Polizia due fucili che appartenevano a due cacciatori deceduti e gli eredi non avevano idoneo titolo per la detenzione. "Se l’erede non è titolare di porto d'armi, ricorda il Primo Dirigente dr.ssa Antonella Chiapparelli, a capo della Divisione Amministrativa, lo stesso dovrà obbligatoriamente provvedere alla segnalazione all’Autorità di P.S. o ai Carabinieri, che prenderanno le armi e daranno all’erede un termine per acquisire il nulla osta all’acquisto (o una licenza di porto d’armi) per poter detenere legalmente egli stesso le armi; ovvero potrà trasferire le armi ad un soggetto legittimato (titolare di licenza di porto d’armi) entro un termine stabilito. L’erede potrà anche scegliere di destinare le armi per la distruzione. A riguardo, le armi da distruggere, ritenute di interesse storico – culturale dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MIBACT), continueranno ad essere custodite presso le armerie degli Uffici di P.S. per il successivo riscontro in loco da parte della competente Soprintendenza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Polizia sequestra due fucili, appartenevano a cacciatori deceduti

FrosinoneToday è in caricamento