Caso Marina Arduini, dopo 10 anni dalla banca dati dei cadaveri potrebbe emergere la verità

La commercialista di Frosinone scomparve nel nulla mentre si recava in Questura per denunciare un furto

Forse sarà proprio la banca dati dei cadaveri a dare le risposte che gli inquirenti si aspettano sul caso di Marina Arduini, la commercialista di Frosinone scomparsa in circostanze misteriose nel  febbraio del  2007. L'avvocato Gennaro Gadaleta che si è opposto all'archiviazione punta al ritrovamento del corpo ed ha chiesto altri atti di indagine. Al momento si sa che sarebbero coperti da segreto istruttorio.

Entro i primi di novebre si deciderà sull'archiviazione

Il prossimo 10 novembre il giudice in base agli elementi acquisiti dovrà decidere se archiviare il caso o se, invece, disporre l’imputazione coatta per l’unico indagato, l'imprenditore 50enne di Alatri ritenuto l’amante della commercialista di Frosinone. Tornando alla banca dati dei  cadaveri il legale ha chiesto di poter indagare in questa direzione proprio perchè dieci anni fa, nel momento in cui scomparve la commercialista, tale banca non esisteva. Ricerche del genere potrebbero dare delle risposte attraverso le opportune comparazioni. L’avvocato Gadaleta è convinto che bisognerebbe indagare anche nell’elenco dei cadaveri non identificati.

I momenti successivi alla scomparsa

Marina Arduini, la commercialista di 39 anni residente a Frosinone uscì di casa senza farne più ritorno, il 19 febbraio del 2007. Ai genitori aveva detto che doveva andare in questura  per presentare una denuncia per furto. Ma in questura la commercialista non sarebbe mai arrivata, Gli investigatori subito dopo la scomparsa iniziarono ad indagare per accertare se quella sparizione poteva avere un nesso con quella denuncia mai presentata Secondo l’avvocato Gadaleta c’era stato una sorta di incastro con il mondo del lavoro di Marina Arduini e la sua vita sentimentale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I continui prelievi di soldi dal conto

Dalle indagini espletate precedentemente era emerso che nonostante la situazione economica della commercialista non fosse così florida, aveva continuato ad elargire denaro . I prelievi effettuati dal suo conto corrente farebbero ipotizzare che quel denaro era stato prelevato per qualcuno. Forse lo stesso che oggi potrebbe fornire spiegazioni circa la sua scomparsa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento