Cassinate, scappa dai domiciliari, va in piazza e minaccia un giovane per non farlo testimoniare

Una “fuga” che è costata cara al giovane che ora  è stato portato nel carcere di Cassino

Tra qualche giorno ci sarà il processo che vede alla sbarra un 34enne di Sant’Andrea del Garigliano, nel sud della provincia di Frosinone, che dovrò difendersi dalla accuse di spaccio, violenza privata, minacce ed ora anche di evasione. E si perché il ragazzo nella ore scorse ha pensato “bene” di evadere dagli arresti domicialiari per continuare a delinquere.

L'arresto

Il 34 enne si era recato, infatti, presso una piazza del paese ed ha minacciato un giovane per intimorirlo e non farlo testimoniare nel processo penale a suo carico. I Carabinieri, venuti a conoscenza dell’accaduto, hanno relazionato il tutto all’Autorità Giudiziaria competente e gli è stato revocato, dunque, il beneficio degli arresti domiciliari, disponendo la sua traduzione presso il carcere di Cassino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colleferro, Amazon apre entro fine anno. Al via le assunzioni, le figure ricercate e le condizioni

  • "Mia madre umiliata da un infermiere prima di morire" la drammatica denuncia sul web

  • Pontecorvo, incidente di via Leuciana, perde la vita l'autotrasportatore Tommaso Pulcini

  • È Gaetano Bonanni di Segni il ciclista trovato morto sull’Anticolana

  • Lascia i figli di 2 e 5 anni da soli a casa tra lo sporco per andare da amici

  • Il Magicland pronto per la nuova stagione ma scompare la parola Valmontone, una sconfitta della classe politica locale

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento