menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cassinate, le fanno sparire 5 mila euro dalla carta di credito

Dopo oltre 2 anni di indagini quattro truffatori sono stati individuati e denunciati. Avevano acquistato elettrodomestici e telefoni cellulari per diverse migliaia di euro

Prima il furto della borsa e poi il piano per prosciugarle la carta di credito con svariati acquisti on-line. Dopo oltre 2 anni di indagini quattro truffatori sono stati individuati e denunciati. Nelle ore scorse, infatti, i Carabinieri di Piedimonte San Germano dopo un’articolata attività info-investigativa intrapresa a seguito della ricezione di una denuncia di furto di una borsa avvenuto nel mese di agosto 2018 in Galluccio (CE), ai danni di una donna residente nel cassinate  e contenente documenti d’identità  e carte di credito, hanno deferito in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Cassino quattro persone.

Un 39enne ed un 46enne residenti nella provincia di Latina,  un 51enne  residente nel cassinate ma domiciliato a Guidonia Montecelio (RM) ed una 27enne residente nella provincia di Padova ( tutti gravati da vicende penali per reati contro il patrimonio) poiché si sono resi responsabili, in relazione al furto in argomento, dei reati di “Furto aggravato, ricettazione ed uso fraudolento di carta di credito”.

Nello specifico, le risultanze investigative raccolte dai militari nel corso dell’attività, hanno permesso di appurare che i quattro, a seguito del furto della borsa, hanno utilizzato una  carta di credito della vittima per prelevare cospicue somme di danaro dal suo conto corrente, effettuando diverse transazioni presso diversi centri commerciali situati nelle Provincie di Frosinone, Latina e Caserta, finalizzate all’acquisto di elettrodomestici, telefoni cellulari ed altro materiale per un valore complessivo di Euro 5.000 circa. 

Tali risultanze investigative sono state ampiamente condivise dalla competente Autorità Giudiziaria che ha emesso successivamente il decreto di perquisizione domiciliare nei confronti dei predetti malfattori, la cui esecuzione, ha permesso ai carabinieri, coadiuvati anche da personale dei Comandi Stazione competenti nei  territori di residenza dei deferiti, di rinvenire vario materiale tecnologico ritenuto di provenienza furtiva.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Frosinone, “CicchiAMO”

  • Eventi

    Alla scoperta di Ferentino sconosciuta

  • Eventi

    Ciaspolata su Colle Le Lisce e Monte Cotento

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento