Pontecorvo, beccato col furgone con 100 kg di fuochi di artificio, 35 mortai e 1300 bocche di fuoco

Mancano ancora diversi mesi alle festività di Capodanno ma c'è già chi si porta avanti con il "lavoro"

A pochi mesi dall’inizio delle festività natalizie, già fervono i preparativi per organizzare un capodanno col botto, così come prosegue l’attività del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Frosinone a contrasto del commercio abusivo di artifici pirotecnici.

In particolare, le Fiamme Gialle del Gruppo di Cassino, nel corso del servizio di pubblica utilità “117”, hanno sottoposto a controllo, presso il casello autostradale di Pontecorvo (FR), un furgone condotto da una persona, risultata gravata da numerosi precedenti per reati fiscali. I finanzieri, insospettiti dall’atteggiamento evasivo dell’autista, decidevano di approfondire il controllo durante il quale rinvenivano circa 100 kg di materiale ad alto potenziale esplodente e nello specifico fuochi d’artificio appartenenti alle categorie F1, F2 e F3 per i quali è prevista apposita autorizzazione.

Oltre ai petardi, tra l’altro già innescati, venivano trovati anche dei mortai utilizzati per il lancio dei fuochi, a dimostrazione dell’imminente impiego degli stessi in uno spettacolo pirotecnico. L’intervento delle Fiamme Gialle ha così consentito di ritirare dal mercato artifizi pirotecnici non sicuri, scongiurando il pericolo di esplosioni accidentali dovute all’assenza di qualsivoglia misura antinfortunistica. All’esito delle attività venivano sottoposti a sequestro 100 kg di artifici pirotecnici, 35 mortai e 1.300 bocche di fuoco, tra batterie e petardi.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il conducente del furgone, residente nell’hinterland sorano, è stato deferito alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cassino per la violazione all’art. 678 del Codice Penale in quanto risultato sprovvisto della prevista documentazione sia autorizzativa che fiscale.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento