Cronaca Cassino

Cassino, nessun affare con la Camorra: assolti Luigi e Vincenzo Terenzio

La Corte d'Appello ha confermato la sentenza di primo grado anche per gli altri imputati

Il fatto non sussiste. I giudici della Corte d'Appello di Roma hanno confermato la decisione presa dai colleghi di piazzale Clodio e resa nota nel 2012. Tutti assolti per la seconda volta quindi i dieci imputati nel processo 'Grande Muraglia'. Un'indagine portata avanti dagli investigatori della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma e che portò all'arresto di quattro persone ed alla denuncia di altre sei. A finire in cella per associazione a delinquere di stampo mafioso (accusa poi decaduta e derubricata in associazione a delinquere semplice) furono anche gli imprenditori Vincenzo e Luigi Terenzio.

Le indagini della Direzione Investigativa Antimafia

L'indagine si basava soprattutto sulle dichiarazioni di un pentito che accusava gli imprenditori di essere i refenti, per conto della Camorra, di una rete di fornitori dai marchi contraffatti prodotti in Cina e smerciati a Roma e nel centro Italia. Da qui il nome all'indagine 'Grande Muraglia'. Con l’accusa di riciclaggio furono coinvolti nella stessa inchiesta anche Antonio Valente, Nunzio Sacco e Gennaro Fiorentino. Anch'essi assolti in primo grado, si sono visti confermare la sentenza dalla Corte d'Appello. Nel caso in cui anche i Giudici della Cassazione dovessero ritenere prive di fondamento le accuse formulate dagli investigatori e della Procura, per coloro che hanno trascorso diversi mesi in carcere, potrebbe essere riconosciuto un risarcimento per 'ingiusta detenzione'.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassino, nessun affare con la Camorra: assolti Luigi e Vincenzo Terenzio

FrosinoneToday è in caricamento