Ricercato in tutta Europa, arrestato a Cassino il boss Antonio Lo Nigro

Già in carcere negli anni passati si è reso protagonista di rocambolesche fughe ed è considerato il nuovo "capo" del quartiere Brancaccio di Palermo

Uno dei nuovi boss emergenti del quartiere Brancaccio di Palermo. Ricercato in tutta Europa è stato fermato a Cassino. Viaggiava a bordo di un'anonima vettura e sotto falso nome. Quando gli agenti della Polizia Stradale hanno dato l'alt alla vettura certo non immaginavamo di poter mettere le manette alla 'primula rossa' del narcotraffico siciliano.

Chi è Lo Nigro

Perché Antonio Lo Nigro, trentantanove anni, è considerato dalla Dda di Palermo, il nuovo boss del quartiere Brancaccio. Arrestato nel 2009 Lo Nigro si è reso protagonista di rocambolesche fughe. Viaggiava indisturbato credendo di non essere riconosciuto. La solerzia degli agenti della sottosezione A1 di Cassino è stata premiata. Le impronte digitali passate al sistema centrale hanno dato la vera identità a quell'uomo  tradito dalla troppa sicurezza. Lo Nigro che era ricercato per la fabbricazione di documenti falsi al momento è detenuto nel carcere di Cassino ma vista la sua caratura criminale non si esclude un eventuale trasferimento.

In aggiornamento

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento