Cassino, botte da orbi e insulti al padre ottantenne, arrestato dalla Polizia

Le indagini del commissariato hanno posto fine al calvario di un pensionato che per anni è stato costretto a sopportare le angherie del figlio tossicodipendente.

E' stato arrestato dalla Polizia dopo che per anni ha picchiato, e insultato il padre oggi ottantenne. A finire in carcere è stato un tossicodipendente cinquantenne di Cassino al quale è stata notificata un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip Scalera su richiesta del sostituto procuratore Maria Beatrice Siravo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La storia

Il povero vecchio, malato e con altro figlio disabile in casa, era costretto a consegnare parte della sua misera pensione da artigiano all'altro figlio che da oramai decenni è in cura al Sert. Ad ogni rifiuto erano botte, insulti, urla. Più volte il vecchietto è finito in ospedale ma solo la scorsa estate, quando ha rischiato di essere ucciso dalle troppe botte, ha avuto il coraggio di presentare denuncia. Le indagini degli investigatori del vice questore Raffaele Mascia hanno consentito di raccogliere tante e tali prove da far finire il figlio-padrone in carcere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le tolgono i figli, va in Comune e tenta di strangolare l'assistente sociale

  • Gratta un biglietto 'miliardario' e vince 500 mila euro

  • Tragico incidente nella notte, muore un 37 enne di Colleferro

  • Colpaccio della Polizia, imprenditore arrestato con un chilo di cocaina e una pistola

  • Dipendente comunale per dieci anni usufruisce della Legge 104 riservata agli invalidi ma era tutto falso

  • Coronavirus, chiusa un’azienda che lavora il ferro a Morolo

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento