Cronaca

Finisce nel fiume mentre cammina e poi aggredisce a pugni e calci i soccorritori

Notte di follia a Cassino, in via Madonna di Loreto dove un giovane fuori di senno, dopo essere finito nel Rapido ha inziiato a picchiare e minacciare con coltello e cacciavite tutti coloro che cercavano di aiutarlo. Ferite cinque persone tra Vigili del Fuoco, operatori 118 e carabinieri.

Foto repertorio

E' finito nel fiume Rapido D.M.F. 27enne di Cassino, già censito per i reati di maltrattamenti in famiglia, resistenza a P.U., incendio, minacce, atti persecutori e stupefacenti,  mentre camminava in via Madonna di Loreto e per questo sono stati allertati i soccorsi da alcuni residenti in zona. Quello che nessuno mai avrebbe potuto immagine è l'epilogo di questa vicenda: cinque persone tra Vigili del Fuoco, operatori dell'Ares 118 e Carabinieri rimaste ferite dalla violenza di un giovane uscito di senno.

L'uomo armato di coltello e cacciavite, nonostante fosse caduto dal ponte che sovrasta il corso d'acqua, nei pressi della rotatoria di via Garigliano, bloccato tra i rovi lungo la sponda, ha dapprima inveito e poi colpito a pugni e calci, tutti coloro che hanno provato a bloccarlo dopo averlo tirato fuori dalla scomoda posizione. Fuori controllo lo stesso ha danneggiato i mezzi dei Vigili del Fuoco. 

Considerato lo stato di agitazione lo stesso è stato accompagnato presso il Pronto Soccorso dell’ospedale di Cassino dove gli sono state praticate le cure del caso

Non senza fatica è stato bloccato e condotto al pronto soccorso del 'Santa Scolastica' dov'è attualmente in stato di fermo piantonato dai Carabinieri. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finisce nel fiume mentre cammina e poi aggredisce a pugni e calci i soccorritori

FrosinoneToday è in caricamento