Cassino, Consorzio 'Valle Liri': il tribunale reintegra il direttore Remo Marandola

Il giudice del Lavoro con provvedimento urgente ha annullato la sospensione emessa dal commissario straordinario ed ha condannato l'Ente al pagamento degli stipendi arretrati

Il direttore del consorzio di Bonifica 'Valle Liri' è stato reintegrato, con provvedimento urgente e straordinario emesso dal Giudice del Lavoro del tribunale di Cassino, il dottor Gualtieri. Non solo, il magistrato ha condannato all'Ente e quindi al commissario straordinario, il pagamento di tutte le mensilità arretrate e le spese processuali. Una decisione che arriva dopo una battaglia legale iniziata lo scorso mese di febbraio quando, il direttore del 'Valle Liri', era stato sospeso perché, secondo quanto sostenuto dal commissario straordinario nominato dalla Regione e arrivato per far 'quadrare' i conti.

Il ricorso

Il consorzio, infatti, gestito fino allo scorso mese di settembre dall'attuale consigliere regionale Pasquale Ciacciarelli, all'epoca presidente del 'Valle Liri', avrebbe delle criticità economiche che si sono trascinate nel corso degli anni e che hanno portato il commissario a presentare anche una denuncia presso la Procura della Repubblica. Dopo la consegna dell'esposto era scattata la sospensione del direttore Marandola. Lo stesso funzionario, ritenendo di essere estraneo ad ogni ipotesi di reato, ha quindi presentato ricorso e il giudice del Lavoro, ha stabilito la revoca della sospensione e il suo reintegro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento