menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Con il pitbull a passeggio senza guinzaglio: aggressione fatale in pieno centro

E' accaduto in via Arno a Cassino. A pagarne le conseguenze un cagnolino che era insieme al suo padrone. Strazianti i guaiti del povero animale che è morto in pochi minuti.

La quiete di una domenica di quarantena da coronavirus è stata squarciata dai guaiti disperati di un cagnolino e dalle urla strazianti del padrone che ha dovuto assistere all'uccisione dell'animale finito tra le fauci di un pitbull fuori controllo. E' accaduto nel pomeriggio di ieri in via Arno a Cassino, nel sud della provincia di Frosinone. Qui un cittadino residente a poche decine di metri, è sceso in strada per portare a spasso il suo cagnolino. Un volpino nero di taglia piccola.

L'aggressione

Nei pressi dell'incrocio per viale Europa il tragico epilogo: dal senso opposto i due si sono visti arrivare un Pitbull senza guinzaglio e senza museruola con accanto il padrone. Pochi istanti e l'animale - la cui razza viene spesso utilizzata per scellerati combattimenti (era tra quelle elencate nella Lista delle razze canine pericolose, attualmente non più in vigore dopo l'ordinanza Martini del 2009 dove non si fa più riferimento all'aggressività del cane in base alla razza d'appartenenza fonte Wikipedia) -, si è avventato sul cagnolino azzannandolo in più parti. Inutili i tentativi da parte dei due uomini di bloccare la bestia. 

Lo choc dei passanti

I guaiti disperati del cagnolino e le grida strazianti dal padrone hanno richiamato l'attenzione dei tanti residenti in zona e dei passanti. Immediato l'allarme ai Carabinieri ed immediato il loro arrivo sul posto. I militari della Compagnia di Cassino hanno quindi bloccato l'animale impazzito e allertato il veterinario dell'Asl che non ha potuto far altro che constatare la morte dell'altro cane. I carabinieri del capitano Ivan Mastromanno e del tenente Massimo Di Mario stanno ora ricostruendo la dinamica dei fatti. Ad essere denunciato è stato un trentenne residente in un quartiere poco lontano che dovrà rispondere di 'omessa custodia di animali'. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Lazio rischia di tornare in zona arancione dal 17 maggio. Ecco perché

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Mostre

    Veroli, Daimon - mostra d'arte

  • Eventi

    Frosinone, “CicchiAMO”

  • Eventi

    Alla scoperta di Ferentino sconosciuta

  • Eventi

    Ciaspolata su Colle Le Lisce e Monte Cotento

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento