Cassino, via Sant'Angelo nuovamente percorribile a doppio senso: la denuncia dei residenti (video)

La decisione presa dal sindaco fa infuriare che vive in zona. Il rettore dell'Università chiede pista ciclabile: i marciapiedi per gli studenti ci sono ma qualche miglioria è necessaria

via Sant'Angelo e sullo sfondo il polo universitario

Via Sant'Angelo a Cassino torna ad essere a doppio senso di percorribilità. Il sindaco ha infatti revocato l'ordinanza emessa con la precedenti amministrazione ed ha reso fruibile in entrambi i sensi l'arteria che collega il centro cittadino con il polo universitario, quello scolastico e la frazione di Sant'Angelo in Theodice.

Una decisione che non piace a tutti

Una decisione che non piace a tutti. Perchè via Sant'Angelo è notoriamente pericolosa. Perchè non c'è spazio sufficiente per far transitare, auto, mezzi pesanti e contemporaneamente pedoni e ciclisti. Perchè nei tempi passati è stata teatro di incidenti gravissimi o di esito mortale. Ad onor del vero sono stati realizzati i marciapiedi in alcuni punti. La strada, però, è stata oggetto di ulteriori riduzioni e soprattutto va a penalizzare qui, in via Sant'Angelo ci vive, ma da disabile (video in basso). E proprio chi ogni giorno combatte una battaglia per la vita, ha deciso di presentare denuncia presso il commissariato di Polizia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Parla il rettore

L'istituzione del doppio senso lascia perplesso anche il magnifico rettore dell'Università di Cassino, Giovanni Betta. Il professore che non vuol entrare in polemica con nessuno dice anche 'ben venga il doppio senso a patto che i miei studenti, i miei professori e il mio personale, non debba correre rischi se decidono di muovesi in bicicletta. Per i pedoni, infatti, sono stati realizzati i marciapiedi'. Si riferisce il Magnifico Rettore al fatto che molti studenti, soprattutto coloro che usufruiscono del progetto Erasmus, fanno uso di biciclette oppure non avendo la macchina, e non essendoci mezzi di collegamento costanti, raggiungono a piedi il centro cittadino. "Quello che mi lascia perplesso - conclude il rettore - è che dopo la realizzazione dei marciapiedi la strada è stata ridotta anche a quattro metri". E qui si arriva all'altra nota dolente. Via Sant'Angelo tornerà ad essere percorribile anche per i bilici ed i tir diretti ad una vicina industria. La legge vuole che i tir, raggiungendo anche una larghezza di 2,50 metri debbano transitare su strade idonee. E se la matematica non è un'opinione le corsie di via Sant'Angelo, divise in due, raggiungono una larghezza di due metri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane finanziere muore nel sonno, la tragedia nella notte

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento