Cassino-Frosinone-Roma: "tra suicidi, ritardi e soppressioni dei mezzi pubblici è meglio andare a piedi"

Febbraio pessimo per le ferrovie dello stato laziali, disservizi a non finire

"I primi quindici giorni del mese di Febbraio 2018 rimarranno alla storia per i cronici disservizi del trasporto pubblico che si sono acuiti in maniera esponenziale, talché non è più possibile continuare con questo inarrestabile andamento negativo con gravi ripercussioni sui i tempi di accesso al lavoro dei pendolari e disagi di ogni genere  a tutti gli utenti del servizio". Ci informa Giorgio Alessandro Pacetti (ex presidente della Consulta dei Comitati Pendolari del Lazio)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Disservizio è un eufemismo

"La parola disservizio, per quello che riguarda il trasporto Regionale è solo un eufemismo.  Si tratta invece di un vero e proprio sfascio - spiega ancora Pacetti - non c’è giorno che nell’ambito del trasporto Regionale Laziale non avvengano situazioni incresciose con cause ed effetti sommamente deleteri. I Pendolari del Lazio chiedono che si apra un’inchiesta su una gestione così carente del servizio pubblico urge un drastico intervento e un drastico cambiamento di rotta per evitare che lo stato di fibrillazione dei pendolari del Lazio sfoci in manifestazioni di violenza.  Ormai prendere i mezzi pubblici significa imbarcarsi in un’avventura senza fine: l’altro giorno un suicidio a Labico, oggi un guasto tecnico tra le stazioni di Frosinone e Ceccano, ciò significa ritardi e soppressioni di corse, passeggeri costretti ad aspettare il treno successivo o addirittura a rinunciare al viaggio il tutto con grave danno per l’utenza pagante. Le conseguenze di questa situazione paradossale gravano pesantemente sulle spalle delle migliaia e migliaia di lavoratori e studenti che quotidianamente si servono dei treni per raggiungere il posto di lavoro e di studio per ritornare al luogo di residenza. Tra suicidi, ritardi e soppressioni  dei mezzi pubblici è meglio andare a piedi".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento