Cassino, il sindaco D'Alessandro accanto al 'consigliere coraggio' per l'attuazione del Registro dei Tumori

Carmine Di Mambro, dopo la lettera aperta a Zingaretti, annuncia che non si fermerà dinanzi a nessuno ostacolo

Il sindaco D'Alessandro

“Carmine è una persona forte. Non a caso, qualcuno lo ha già battezzato “consigliere coraggio”. E noi non possiamo che essere al suo fianco in questa battaglia per il Registro dei Tumori. È imbarazzante l’immobilismo delle istituzioni su un tema così delicato” ha dichiarato il sindaco Carlo Maria D’Alessandro. “Rimandare ancora significa privare i cittadini di uno strumento imprescindibile per la prevenzione e il contrasto delle patologie oncologiche. Non possiamo aspettare all’infinito: la salute viene prima di tutto - ha concluso il sindaco -. Per questo appoggeremo qualsiasi iniziativa, che venga dall’alto o dai cittadini, finalizzata all’istituzione del Registro Tumori”.

L'iniziativa

“La mia battaglia è appena cominciata. E da “mia” è subito diventata “nostra”” ha commentato il consigliere del Comune di Cassino Carmine Di Mambro. “Dopo il video-appello della settimana scorsa sono stato felice di raccogliere la solidarietà di tantissime persone: amministratori di tanti comuni del territorio, politici di ogni schieramento, medici, famiglie e tanti, tantissimi malati oncologici che, come me, non vogliono darla vinta a questo male. Centinaia di persone che con un commento sui social, un messaggio dal cellulare, una stretta di mano o anche solo uno sguardo chiedono di andare avanti e sono pronte ad impegnarsi in prima persona per avere finalmente il Registro dei Tumori nella nostra provincia". "Ringrazio tutti di cuore per l’affetto e la disponibilità ma, lasciatemi dire, tra le tante telefonate ricevute, ahimè, non posso dire di aver ricevuto la telefonata più significativa che avrei voluto ricevere: quella di Zingaretti. Colui il quale è stato eletto dai cittadini per tutelare anche il nostro diritto alla salute, anziché accogliere la richiesta di aiuto e agire al più presto, si tappa le orecchie e fa finta di non sentirci. Siamo malati, ma di voce in corpo ne abbiamo! Faremo da soli, senza di lui! E grideremo sempre più forte".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I progetti futuri

"Stiamo pianificando una campagna di sensibilizzazione che porterà i nostri gazebo per il Registro Autonomo dei Tumori nelle piazze del territorio - annuncia Di Mambro -. Ma il primo passo della nostra azione, che muoveremo nelle prossime settimane, è il seguente: stiamo prendendo accordi con la Asl di Frosinone per aprire un conto corrente dedicato al Registro dei Tumori. Presto invieremo una lettera a tutti i sindaci della provincia di Frosinone chiedendo a ciascuno di donare un contributo di mille euro. Ho chiesto la massima trasparenza per gli spostamenti di denaro perché voglio che tutto sia visibile ai cittadini. Chiunque, in qualsiasi momento, deve poter sapere dove e come sono stati impiegati i suoi soldi. Partiamo da noi, dai comuni della provincia, per cominciare ad agire contro l’avanzare senza sosta dei tumori. Sono certo che i sindaci non ci faranno mancare il loro sostegno per questa importante causa e investiranno con orgoglio sulla salute dei loro cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento